Murro: ”La situazione impone uno sforzo collettivo. Dopo la crisi sanitaria, prepariamoci ad affrontare , quella economica e sociale”

  • Letto 231
  • “L’Umbria non esente dagli gli effetti devastanti della pandemia”


    “L’Umbria tra l’arancione e il giallo con i DPCM causa Pandemia , fattori che hanno determinato il blocco di molte attività con pesanti ripercussioni sugli addetti di vari settori: sport e Palestre , intrattenimento, spettacolo , l’artigianato ai lavoratori di alloggio e ristorazione, agli addetti ai servizi alla persona del commercio e tante altre categorie. Una situazione non facile, aiutata, dal blocco dei licenziamenti grazie all’intervento delle Sigle Sindacali e dalla proroga degli ammortizzatori sociali per covid., ma non basta”!
    Qualche margine di sollievo ai commercianti italiani arriverà solo nei pochi giorni feriali di queste strane feste di Natale, con il ritorno dell’Italia in zona arancione.

    Complice la chiusura dei centri commerciali e la paura di un imminente lockdown, negli scorsi weekend abbiamo assistito a importanti flussi di persone che si sono riversate nelle storiche vie dello shopping. Nonostante questa importante presenza, le attività commerciali comprese quelle dei centri storici, diversificate nei vari settori , hanno sofferto notevolmente la mancanza dei turisti. La preoccupazione di una terza ondata e di una conseguente crisi del lavoro influisce comunque sui consumi, che registreranno circa il 25%-30% in meno rispetto agli anni passati.
    Abbiamo tamponato gli effetti dell’emergenza, importante sarà il banco di prova nel dopo Pandemia per capire che futuro vogliamo dare alla nostra Regione, preparare risposte ed interventi per quando, il Covid sarà sconfitto e si affronteranno emergenze sociali e occupazionali. Basti pensare che da uno studio di Bankitalia evidenzia come tra marzo e maggio 2020 ci sia stata una corsa a ‘ritargare’ le attività economiche con i cambi dei Codici ATECO per diventare ‘essenziali’ e provare a sopravvivere al primo lock-down e nel contempo sfuggire alle sospensioni”. Per non parlare poi delle attività commerciali, artigianali e del commercio in genere , tante hanno abbassato le saracinesche. Di tutto questo mancano gli aggiornamenti sui dati sullePartite IVA chiuse”.

    Le politiche attive, quelle che insistono nei dei due Rami del Parlamento, sono lo strumento principale che possiamo mettere in campo. Sarà molto importante sostenere i lavoratori più fragili, che il Covid ha espulso dal mercato del lavoro, che sono quelli anche con un bagaglio di competenze ridotto. Questo attraverso percorsi di formazione e qualificazione professionale”. Rivedere e correggere tutte quelle materie fiscali uno Stop ai pagamenti erariali sarebbe una boccata di ossigeno per tutti”.
    Abbiamo a disposizione oltre 200 miliardi di euro. Intanto da capire quanto peserà il debito di queste risorse al contrario di quelle che saranno a fondo perduto”.
    “Per dare continuità e soprattutto e per ridurre i contagi si è giunti allo Smart Working a questa nuova tipicità lavorativa , attenzione però, per attuarlo servono precise condizioni. quali essere a contratto, come qualche tempo fa ha sottolineato dal Movimento Politico , Popolo della Famiglia .
    Altro snodo importante , la Sanità. Si è parlato tanto e se ne riparlerà a lungo. Abbiamo dimostrato di essere leggermente impreparati. Eravamo ben a conoscenza dopo la prima ondata cosa poteva accadere poi avvenuto nella seconda. Maggiori preoccupazioni , cosa potrà accadere a Gennaio. Nei mesi estivi, abbiamo allargato le maglie, e preventivamente nulla è stato organizzato, poi alla fine settembre , sappiamo cos’è successo.
    Smantellamento della medicina territoriale e di prossimità, nella gestione di una popolazione sempre più anziana, con cronicità e patologie significative. Senza una rete socio-sanitaria capillare, senza il supporto di medici e infermieri di famiglia, senza gli OSS, il covid ha dilagato. Manca personale nei nosocomi. Fortunatamente stiamo reggendo grazie al lavoro, alla professionalità e all’abnegazione di medici e infermieri, non certo per l’organizzazione del sistema”.
    Già in crisi , poi la Pandemia , così il territorio umbro è stato interessato negativamente da numerose crisi aziendali che hanno comportato un impatto fortemente negativo sui livelli occupazionali mettendo a rischio la solidità dell’apparato produttivo regionale, tenendo conto anche delle ricadute che queste hanno determinato sull’indotto.
    Una situazione preoccupante, dall’ Ast di Terni a quelli dell Sogesi di Cannara , e Stroncone, Merloni e Treofan , Acque Sangemini, fino ad arrivare all’ex Pozzi (OMS Isotta Fraschini con il dichiarato fallimento e le preoccupazioni che avvolgono i lavoratori della Ex Cementir per terminare con la Novelli , azienda fino a qualche , una delle maggiori esponenti nel settore avicoltura , regalata ai ben noti’ ‘industriali. Pesante eredità , che hanno dato seguito ai soliti protocolli , lunghi e arcaici che non più adatti a garantire dignità ai tanti lavoratori e loro famiglie.
    L’augurio che nel 2021 si cambi marcia, un reset per una ripartenza seria , partecipativa e di coesioni..

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Andrea 2021-01-06 11:10:41
    Vengo anch'io!!!!!!
    Antoaneta Dzoni 2021-01-05 19:05:23
    Vorrei partecipare
    Luca filipponi 2021-01-05 15:17:41
    Vorrei ringraziare per il suo impegno e sensibilità verso l'arte e la cultura la redazione di duemondinews buon 2021!
    Cesaretti Sergio 2020-12-07 23:28:30
    La maggior parte di quei personaggi; l'ho tutti conosciuti....sono del 1941, natio di Spoleto, in via San Giovanni e Paolo,.....
    Giorgio 2020-12-03 14:59:14
    Una considerazione che vorrei fare: ho letto che l'intervento complessivo praticamente ammonterebbe ad un milione e trecento mila € ok?.....