Monini Spoleto, grande amarezza tra i tifosi. Il titolo verso la cessione

  • Letto 424
  • Il posto in A2 lasciato libero da Spoleto potrebbe essere occupato da Ortona

    (DMN) Spoleto – non si attenua l’amarezza dei tifosi della Monini Marconi dopo la comunicazione ufficiale della società di rinunciare a disputare il prossimo campionato di Serie A2.

    Una delle frasi che si sente spesso dire dai nonni ai genitori per i bimbi piccoli è quello di “non promettere mai niente che poi non puoi mantenere” – si legge in una nota inviata in redazione dagli esponenti della Brigata Scialò –  La delusione che prova un bambino nell’apprendere che la promessa fattagli giorni prima non è reale, è devastante.
    Noi ci abbiamo creduto fin da quella riunione di costituzione del gruppo “Brigata Scialò”. La passione non si inventa, o ce l’hai o non ce l’hai.Non chiedevamo un anno al vertice, non chiedevamo il buttar soldi, lo abbiamo detto più volte in questi ultimi giorni, volevamo solo continuare ad incontrarci al Palarota, gridare tutta la nostra appartenenza alla Città e per la Città.
    Avremmo tante domande da porre su questa vicenda. Al main sponsor, ai dirigenti, alle istituzioni.

    Davvero non esisteva una via di mezzo tra il progetto superlega e la chiusura totale? Davvero non vi poteva essere un piano B che non facesse scomparire il volley per la terza volta in questa città?
    Noi crediamo che ormai per il volley spoletino in senso professionistico sia stata fatta tabula rasa. Sarà estremamente difficile riportare una curva di tifosi ai fasti degli anni passati e degli ultimi mesi (anche perché iniziamo ad avere una certa età).
    Ci domandiamo anche perché le istituzioni attraverso il delegato allo sport (senza innescare la polemica sul perché a Spoleto non ci sia un assessore allo sport) non abbia proferito parola su una perdita così grave per lo sport cittadino.
    Fino a pochi anni fa avevamo 3 società in Serie A. Un orgoglio per Spoleto. Ci ritroviamo senza niente. Una delusione che sarà difficile dimenticare.
    Chiunque delle parti coinvolte e non volesse darci un cenno di riscontro , ascolteremo attentamente, al contrario trarremo le nostre conclusioni”.

    Titolo sportivo – mentre qualcuno ancora spera  in un ripensamento da parte della società e del main sponsor, magari con il coinvolgimento di nuove forze economiche da parte di aziende del territorio, i vertici societari sarebbero al lavoro per la cessione del titolo sportivo che porrebbe fine alle residue speranze dei tifosi.

    Negli ultimi giorni, sarebbero state infatti più di una le società che avrebbero bussato alla porta della sede gialloblu per trattare la cessione del titolo. Il posto in A2, lasciato libero da Spoleto, potrebbe essere occupato da Ortona. Secondo i bene informati sarebbe solo questione di ore.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.
    Marco Morichini 2019-10-08 22:50:46
    Spero che la notizia del raddoppio ferroviario Terni-Spoleto non sia solo campagna elettorale!