Monini Spoleto, capitan Rosso e coach Monti soddisfatti dopo la vittoria di Roma

  • Letto 389
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETOMattia Rosso: «siamo cresciuti ma c’è ancora tanto da migliorare»

    Luca Monti: «Aguenier si sta dimostrando un ottimo giocatore ma è anche un ragazzo molto disponibile ad ascoltare e in campo la sua presenza si nota tantissimo»

    Ho visto un bel progresso rispetto alla gara d’esordio, la squadra ha fatto bene quello che avevo chiesto di fare nonostante la difficoltà logistica di giocare in un palazzetto così particolare. Abbiamo cominciato un po’ contratti sbagliando qualche contrattacco facile, poi via via ci siamo sciolti e credo che i tre punti siano assolutamente meritati”.

    Sono le parole di Luca Monti di ritorno dalla trasferta di Roma, in cui la Monini ha conquistato 3 punti preziosi e agganciato Brescia al primo posto della classifica del girone bianco con 6 punti.
    Effettivamente la Monini Marconi ha faticato un po’ solo all’inizio, merito di una Roma che non ha mai abbassato la guardia anche quando era in svantaggio. Col passare delle azioni però, gli oleari sono saliti di colpi e nel terzo set per i capitolini non c’è stato modo di opporre resistenza. I numeri raccontano di un attacco di squadra vicino al 60% di positività e di una ricezione al 54% (con la perfetta ben oltre il 40). Spoleto ha doppiato Roma nei muri punto (10 a 5) e negli ace (6 a 3), legittimando la vittoria in tre set.

    Top scorer il “solito” Willy Padura Diaz, a cui Zoppellari si è affidato spesso soprattutto nella prima fase di gara: 23 palloni a terra per l’oppostone italo-cubano con il 67% di attacchi vincenti, 3 muri punto e 4 ace, piazzati tra l’altro nell’unico vero momento di difficoltà patito dai suoi. Accanto a lui ha impressionato la “presenza” in campo di Jonas Aguenier, capace di finire il match Primo_Allenamento_Monini_Spoleto_2018_2019-42con uno stratosferico 100% in attacco. “Sta diventando un punto di riferimento importante – dice di lui coach Monti – non solo si sta dimostrando un ottimo giocatore ma è anche un ragazzo molto disponibile ad ascoltare e in campo la sua presenza si nota tantissimo”.

    Le buone notizie arrivano anche dal posto 4, cresce infatti l’intesa di Zoppellari con i suoi schiacciatori. A Roma sono partiti dall’inizio Ottaviani e Rosso, il quale, a differenza della gara d’esordio, è rimasto in campo per tutto il match crescendo azione dopo azione fino a firmare 7 attacchi vincenti e 2 muri Primo_Allenamento_Monini_Spoleto_2018_2019-30punto. “Siamo in una fase della stagione in cui conta tantissimo mettere punti in cascina – commenta il capitano oleario -, e quindi molto bene il 3-0 conquistato a Roma. Come livello di gioco siamo cresciuti ma c’è ancora tanto da migliorare, sono comunque soddisfatto perché si vede un’ottima base di partenza coi centrali che vanno alla grande e Willy sempre in palla. Appena cominceremo ad assestarci in posto 4, superando i vari acciacchi fisici, sono convinto che si vedrà la vera Monini Marconi”.

    Ci sarà qualche giorno in più rispetto alle altre squadre per recuperare le energie e smaltire gli acciacchi, la Monini Marconi osserverà infatti il turno di riposo nella terza giornata e tornerà in campo di fronte ai propri tifosi nella quarta, contro l’Acquviva Fonte Apuana Livorno di coach Montagnani e dell’ex Mirko Miscione. L’appuntamento è per giovedì primo novembre al Palarota con prima battuta alle ore 19. I biglietti per questo match sono già in vendita al negozio Box 25 di Piazza Vittoria oppure sul sito www.ticketitalia.com.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2019-10-22 07:44:46
    Sì, ma non è Piazza del mercato, ma via Arco di Druso!
    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.