Medicus: Premio Gentile da Foligno, appuntamento in Umbria il 19-20-21 maggio

  • Letto 116
  • Da Foligno a Bologna, da Siena a Perugia, poi a Padova e ancora in Umbria dove, richiamato al dovere di medico, spinse la sua missione sino all’estremo sacrificio. Gentile, nato sulle rive del Topino alla fine del XIII secolo, morì sempre nei dintorni di Foligno il 18 giugno 1348, colpito da quello stesso morbo che si era prodigato per curare e studiare a Perugia.

    Il premio dedicato a questo grande precursore della medicina moderna, formatosi sulle più importanti fonti antiche e (a lui) contemporanee, si propone due obiettivi: divulgare la sua figura storica ed affrontare il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione.

    Medicus: Premio Gentile da Foligno è un evento annuale ed un luogo d’incontro tra scienziati, mondo della divulgazione e società civile, pensato per avvicinare e facilitare il dialogo tra i professionisti sanitari e le persone.

    Parlare di grandi temi socio-sanitari in modo semplice e comprensibile a tutti aiuta certamente l’azione sinergica tra medico e cittadino, informazione ed istituzioni. Il numero “zero” dell’evento, celebratosi il 22 e 23 ottobre scorsi, ha premiato l’Ordine dei Medici d’Italia per l’azione svolta in questo periodo di pandemia ed il sacrificio umano di centinaia di sanitari, morti in prima linea nella lotta al Covid-19.

    A partire da questa imminente prima edizione, ogni anno, l’evento, che si svolgerà in più giornate, prenderà in considerazione, con il contributo dei massimi esperti a livello mondiale, il fenomeno dell’invecchiamento nella sua duplice valenza sanitaria e sociale, un tema di stringente attualità, tanto più nella Penisola.

    L’Italia, infatti, registra il secondo maggior tasso di invecchiamento della popolazione al mondo, dopo il Giappone. Non è, tuttavia, il Paese dove si invecchia meglio e, soprattutto, la vecchiaia non emerge perché sembra sempre separata dalle preoccupazioni presenti nella società.

    Gli anziani oggi, formano un vero e proprio popolo, c’è una popolazione anziana di massa. Ci sono sempre stati i “grandi vecchi” ma si trattava di casi isolati. Ora non più. Siamo consapevoli del fenomeno? Delle sue proporzioni? Oggi gli italiani over-65 rappresentano il 22% della popolazione, mentre i ragazzi under-15 arrivano appena al 15%. C’è un’età da inventare: trent’anni di vita in più, ma per fare cosa?

    A questi ed altri interrogativi cercheranno di rispondere i relatori in cartello alla tre-giorni di Medicus: Premio Gentile da Foligno, evento che si fregia di aver ottenuto il plauso ed il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Medici per il suo aspetto divulgativo ed è attualmente inserito nel portale ufficiale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO).

    Il 19-20-21 maggio a Foligno, nella suggestiva corte di Palazzo Trinci, Medicus: Premio Gentile da Foligno richiamerà grandi ospiti, come da programma, ed il Medico Gentile consegnerà idealmente il suo riconoscimento ad alcuni tra i più illustri personaggi della contemporaneità.

    La Conferenza Stampa della presentazione dell’evento avverrà, giovedì 12 maggio alle ore 10,30 presso la Sala Pio La Torre del Comune di Foligno.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio
    fabien 2022-04-09 10:16:14
    Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....
    Aurelio Fabiani 2022-04-02 17:20:04
    Bene, è importante solidarizzare con chi scappa dalla guerra, ma ci sarebbe piaciuto che i Grifoni di tutta la terra.....