L’Under 17 della Sir non riesce nell’impresa di entrare tra le migliori sedici d’Italia

  • Letto 422
  • Non hanno niente da rimproverarsi i giovani Block Devils della Sir Safety Perugia dei tecnici Taba e Rinaldi ai campionati nazionali di categoria in corso di svolgimento in Brianza. Nel girone di qualificazione i bianconeri fanno in pieno la loro parte battendo 3-0 sia Cagliari che Napoli, ma lo scoglio Volley Treviso, una delle favorite alla vittoria finale, si rivela insormontabile. Resta comunque una bella esperienza per i ragazzi e lo sottolinea il tecnico Marco Taba

    Come i “colleghi” dell’under 19 la scorsa settimana, anche la formazione under 17 della Sir Safety Perugia esce ad un passo dalle migliori sedici d’Italia ai campionati nazionali di categoria in corso di svolgimento in Brianza.
    Fanno in pieno la loro parte i giovani Block Devils guidati in panchina dai tecnici Taba e Rinaldi vincendo nel proprio girone di qualificazione alla seconda fase sia contro Cagliari che contro Napoli, in entrambe le occasioni con il punteggio di 3-0 ed in entrambe le occasioni mettendo in mostra un bel gioco. Troppo forte si rivela invece il terzo avversario del girone, quel Volley Treviso che è una delle favorite della competizione e che si impone meritatamente in tre set nello scontro decisivo del raggruppamento.
    L’iniziale delusione per un grande obiettivo sfumato lascia però presto lo spazio alla soddisfazione per il percorso e la crescita di questo gruppo durante l’anno e per l’esperienza importante maturata in queste finali nazionali.

    Questo il commento del tecnico Marco Taba:
    “Per quello che riguarda la stagione, il percorso compiuto dai ragazzi è stato più che soddisfacente. Tutti sono cresciuti sotto l’aspetto tecnico e caratteriale e lo dimostra l’approccio avuto alle finali nazionali per noi appena terminate dove i miei ragazzi hanno disputato un’ottima manifestazione. La squadra ha dimostrato le sue qualità sia con Cagliari che con Napoli, giocando con intensità e buona tecnica. Anche con Treviso i ragazzi sono partiti bene e convinti, poi è emerso il grande valore dell’avversario che bisogna solo applaudire e che ha dimostrato di essere più forte. È chiaro che per la rappresentante dell’Umbria, finchè la formula dei campionati giovanili resta questa, accedere alla fase delle migliori sedici sarà sempre uno scoglio duro dovendo affrontare nelle qualificazioni rappresentanti di regioni, come il Veneto in questo caso, che sono il top a livello giovanile. Resta ad ogni modo una bellissima esperienza per i ragazzi che hanno aumentato il loro bagaglio tecnico e morale e questo per noi è un risultato perché è più importante la loro crescita rispetto ai titoli. Voglio ringraziare, sia da un punto di vista tecnico che umano, tutto lo staff dell’under 17, da Filippo Rinaldi allo scout Gabriele Bellucci fino ad Andrea Piacentini che ci ha accompagnato a Monza e che è comunque stato sempre presente durante tutto l’arco della stagione, e ringrazio naturalmente la società che questo staff lo ha allestito e che ci ha così permesso di alzare l’asticella ed il livello di lavoro in palestra ogni giorno”.
    Chiusa anche la kermesse nazionale per l’under 17, il programma del settore giovanile bianconero prosegue ora con le finali nazionali della formazione under 15 dei tecnici Bonifazi-Bulletta che difenderà i colori dell’Umbria a Campobasso dal 7 al 12 giugno prossimi. I giovani bianconeri, nella prima fase di qualificazione, sono stati inseriti nel girone B con le rappresentanti di Abruzzo, Molise e Veneto 2.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....