“Liberi di esprimersi, sicuramente, ma nel rispetto delle persone, delle Istituzioni e del ruolo che si rappresenta”

  • Letto 320
  • La lettera aperta di SiAmo Castel Ritaldi alle istituzioni comunali 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Scriviamo questa lettera in seguito al post pubblicato su facebook dal nostro vice Sindaco, in cui rappresenta il nostro Presiedente del Consiglio che soffoca con un ginocchio L’Italia, riferimento alla terribile vicenda avvenuta il 20 maggio 2020 a Minneapolis, Minnesota (USA) in cui una persona di colore viene uccisa da un agente di polizia durante un fermo.
     
    Liberi di esprimersi, sicuramente, ma nel rispetto delle persone, delle Istituzioni e del ruolo che si rappresenta.
    Innanzitutto vogliamo dire che non ci sentiamo rappresentati da questo atteggiamento, e con noi in molti crediamo. 
    La nostra richiesta non va solo alle Istituzioni di Castel Ritaldi, ma a tutta quella Politica che si esprime con questi toni.
     
     
    Si è liberi di avere posizioni diverse, per fortuna, gridarle e praticarle, ma non si può semplificare la realtà in questo modo, soprattutto se si ha un ruolo così rappresentativo.
     
    Questo modo di intendere la politica non ci piace, vogliamo e dobbiamo dirlo, anche per chi ci guarda.
     
    Non è giusto utilizzare un tragedia banalizzandola.
    Non è giusto semplificare nè la vicenda americana nè la situazione Italiana con un ironia che, per noi, ironia non è.
    Non è giusto rappresentare le Istituzioni dello Stato Italiano in questa maniera.
     
    Soprattutto non è giusto utilizzare questi toni, tanto più su una piattaforma social visibile anche ai minori, in cui da rappresentante delle Istituzioni si infanga il proprio stesso ruolo. Da portavoce delle Istituzioni, piccola o grande che sia, ridurre tutto ad una vignetta (pessima tra l’altro) è offensivo, per chi non la pensa alla stessa maniera, ma soprattutto per chi ascolta e deve farsi un idea.
     
    La politica è un modo per cambiare le cose che non ci piacciono, ma per tentare bisogna avere un grande rispetto per quello che ci circonda. C’è un modo bello di farlo, senza odio, perché mentre cerchiamo di cambiare le cose che non ci piacciono cambiamo un po’ anche noi stessi, per fortuna.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
    Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
    Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....