Le Pro Loco per il San Matteo degli Infermi

  • Letto 534
  • Le Pro Loco di Spoleto, San Giacomo, Baiano, Protte, Spina, San Brizio : “L’accusa agli spoletini di campanilismo e insensibilità è meschina”

    La Pro Spoleto “Antonio Busetti” e la Pro Loco di San Brizio, la Pro Loco di Baiano, la Pro Loco di Protte, La Pro Loco della Spina di Campello, la Pro Loco di Sam Giacomo, sono a fianco della città mobilitata in difesa dell’Ospedale DEA contro il progetto della Giunta Regionale di svuotarlo dei reparti e servizi trasformandolo in esclusivo Centro Covid. L’accusa agli spoletini di campanilismo e insensibilità è meschina. Spoleto ha offerto disponibilità ad accogliere un numero di posti letto Covid, con medici e infermieri qualificati, proporzionato alla propria consistenza ospedaliera come ogni altra città, ma non accetta la disattivazione, neanche temporanea, dei reparti essenziali – a cominciare da chirurgia, medicina e punto nascita – per una deportazione che sarebbe definitiva. In proposito Spoleto, già ingannata dalle precedenti Amministrazioni regionali, non è tacitabile con promesse politiche. E il fatto di non avere propri rappresentanti in Regione non può farne una vittima con la motivazione occasionale dell’emergenza. L’Ospedale DEA non è un ufficio burocratico, è il servizio primario della vita degli abitanti e visitatori del comprensorio. La questione ospedaliera Spoleto-Foligno non può essere forzata col pretesto Covid. Nata dal rifiuto degli amministratori folignati di creare un ospedale unico intermedio, andrà risolta con un vero bilanciamento funzionale a beneficio di tutta la Valle Umbra e Valnerina. Fin qui è stata solo emigrazione di reparti, servizi e primari verso Foligno, la quale peraltro non è così che risolverà i suoi segnalati problemi. La Pro Spoleto chiede a tutte le forze politiche di accantonare ogni divisione e ottenere dalla Regione che ripensi il suo progetto per concordare una solidale ripartizione dei “reparti epidemia” in tutti i principali nosocomi umbri. Escluso che possa esserlo solo Spoleto, cioè proprio l’Ospedale più controindicato e reso dalle direttive regionali depotenziato di reparti e personale.

    Pro Loco di Spoleto
    Pro Loco di San Brizio
    Pro Loco della Spina di Campello
    Pro Loco di Protte
    Pro Loco di San Giacomo

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2021-04-29 20:27:17
    NON È COL QUALUNQUISMO CHE SI SALVA L'OSPEDALE DI SPOLETO E LA SANITÀ PUBBLICA. Col qualunquismo si riciclano solo i.....
    Andreas Müller 2021-04-26 21:27:06
    Viele Grüße aus Deutschland für deine Musik!
    carlo 2021-04-10 17:38:23
    Me sta bene tutto, ma tocca esse 'mbriachi o camminare con la testa tra le nuvole. meglio che se ne.....
    Le ceneri di Gramsci 2021-04-05 14:08:06
    La lettura del comunicato del PD rappresenta, per chi fosse un vecchio simpatizzante, un vero insulto alla tradizione di un.....
    Zorro 2021-04-03 10:46:44
    Questi sono i cosiddetti civici volontari...o meglio i dott.vinavil....che vergogna solidarietà al dott marco trippetti!