Le otto montagne con Luca Marinelli è miglior film ai David di Donatello

  • Letto 772
  • L’attore debutta a Spoleto nella regia con Una relazione per un’accademia

    Dopo il Premio Pulitzer per la musica a Rhiannon Ghiddens, nella serata di ieri arriva ancora un riconoscimento per gli artisti del prossimo Festival dei Due Mondi. Il film del 2022 Le otto montagne, adattamento cinematografico del romanzo di Paolo Cognetti scritto e diretto da Felix Van Groeningen e Charlotte Vandermeersch ha ricevuto quattro David di Donatello, tra i quali quello per il miglior film. Protagonista della pellicola, insieme ad Alessandro Borghi, è Luca Marinelli, tra i più amati e premiati attori italiani, atteso al Spoleto per il suo debutto alla regia teatrale con lo spettacolo Una relazione per un’accademia, in scena sabato 8 e domenica 9 luglio all’Auditorium della Stella.

    Dopo i successi cinematografici di Non essere cattivo, Jeeg Robot, Martin Eden e Le otto montagne, vincitore anche del premio della giuria al 75° Festival di Cannes, Marinelli arriva a Spoleto con una trasposizione teatrale del racconto di Franz Kafka, una coproduzione del Festival dei Due Mondi e del Teatro Stabile dell’Umbria. A interpretare Rot Peter, protagonista della vicenda, è Fabian Jung.

    Si chiama Rot Peter la scimmia a cui Kafka dà voce nel 1917 con un racconto breve. Peter viene catturato mentre è con il suo branco, lo feriscono due pallottole. Durante la prigionia, mentre raggiunge l’Europa su una nave, Peter capisce: può imitare molto bene gli uomini e garantirsi la libertà. Dopo cinque anni, gli antropologi si ritrovano ad ascoltare una scimmia trasformatasi in relatore accademico. Il testo affronta in termini grotteschi la condizione di chi è costretto a vivere un’esistenza che non gli appartiene pur di conformarsi ai dettami della società e ricavarne una forma di libertà: come la stessa scimmia racconta durante la relazione, non è stata la sola ricerca della libertà a suggerire la soluzione ma la necessità.

    Classe 1984, Fabian Jung originario di Münster, cresce a Lipsia per poi studiare recitazione presso l’accademia delle arti Ernst Busch di Berlino. Nel 2012 il primo incontro con Luca Marinelli getta le basi per il progetto Kafka. Le carriere dei due artisti procedono e l’idea resta in sospeso. Jung prenderà parte a varie collaborazioni teatrali, dall’ensemble di Chemnitz alla Schaubühne di Berlino, dallo Staatstheater Saarbrücken allo Schauspielhaus Hamburg, solo per citarne alcuni. Jung torna così a lavorare con Luca Marinelli sul testo di Kafka in lingua italiana per presentarlo in prima assoluta al Festival dei Due Mondi.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....