La verde Valnerina si tinge di rosa

  • Letto 110
  • Iniziata la fiorita dell’albero di Giuda

    È arrivata la primavera in Valnerina e come ogni anno ha portato con se la magica fiorita del Cercis Siliquastrum che riempe di rosa e lilla il verde paesaggio umbro.
    Il Cercis Siliquastrum o “Albero di Giuda” appartiene alla famiglia delle Leguminose e la sua particolarità è la “cauliforia”, un fenomeno botanico che coinsiste nella produzione dei fiori prima delle foglie e non solo sui rami ma anche direttamente dal tronco. Nel mese di aprile infatti compaiono i primi fiori di color rosa-lilla che pervadono la corteccia ancora priva di foglie.

    Il nome botanico deriva dal greco cercis, che significa “ago o spola”, in riferimento alla forma dei frutti mentre l’appellativo “Albero di Giuda”, con il quale è comunemente conosciuto, si riferirebbe alla regione della Giudea, nel Vicino Oriente, da dove sarebbe arrivato grazie ai monaci siriaci giunti in Valnerina tra il IV e VI sec. La sua fioritura però prossima alla Pasqua lo ha sempre associato a tradizioni legate al cristianesimo come i noti episodi del “bacio” di Giuda a Gesù e l’impiccagione dell’apostolo, collocati proprio sotto questa bellissima pianta.
    Oltre alla bellezza la pianta presenta interessanti caratteristiche, è in grado di catturare azoto dall’atmosfera e grazie a dei batteri nelle radici lo rilascia nel terreno, arricchendolo, mentre i suoi fiori sono commestibili e possono essere utilizzati nella preparazione di ricette.
    Questo albero è particolarmente presente in tutta la “Bassa” Valnerina ed è ammirabile nel periodo primaverile in tutto il suo splendore con lo spettacolo naturalistico che crea attorno tutta l’area dipingendola di rosa a partire dalla Cascata delle Marmore fino a Ferentillo e Scheggino mentre esaurisce il suo effetto nei pressi di Borgo Cerreto dove sopravvive con più difficoltà. Ogni anno turisti e appassionati di fotografia arrivano nella verde valle del fiume Nera per catturare la bellezza di questo coloratissimo paesaggio che dura per poche settimane ma che emoziona per sempre chiunque riesca ad ammirare la sua rara bellezza.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Vabo 2019-04-19 22:51:22
    Grande contributo e analisi politica, complimenti! Magari, quando trovate due minuti o qualcosa di rilevante da dichiarare,fate un cenno anche.....
    Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini 2019-04-12 15:19:43
    Carissimo Luca, anche a nome del Consiglio Direttivo del Movimento Gaetano Salvemini e dell'Unione Italiana Associazioni Culturali, formulo vivissimi auguri.....
    Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini 2019-04-12 12:33:07
    Caro Luca, ho il piacere di informarti che è imminente la pubblicazione del mio libro "Epuloni e Lazzari" (Analisi storica.....
    Guest lecturer "Photography and writing: a dialectic" - Greta Lorimer Photography 2019-04-10 17:18:04
    […] https://www.duemondinews.com/spoleto-una-lezione-di-fotografia-narrativa-con-greta-lorimer/  […]
    R.A. 2019-04-07 21:41:58
    La sinistra invece di infamare il m5s si dia da fare x lavorare insieme alla colacem x nn perdere posti.....