“La pace che vorrei”, alla Primaria “G. Sordini” inaugurato un nuovo intervento artistico di Ob Queberry

  • Letto 1007
  • Aperte anche le porte della mostra, frutto del progetto di plesso di quest’anno

    Oggi, con l’ultimo giorno di scuola, alla Primaria “G. Sordini” di Spoleto si è salutato un nuovo intervento presso l’Istituto Spoleto 2, di Ob Queberry, poliedrico street artist spoletino.
    Alle ore 10,30, alla presenza dell’assessore Renzi, del vice sindaco Lisci, del presidente della Fondazione Carispo Pompili, del dirigente dell’Istituto Lucidi e di altre rappresentanze, si è infatti inaugurato il murales “La pace che vorrei”, nato dallo spunto che gli alunni hanno dato, con un loro brainstorming creativo, all’artista. Di questi tempi la pace e la sostenibilità ambientale sono emergenziali e i bambini hanno saputo cogliere in immagini le suggestioni di questi temi, dando la possibilità ad Ob Queberry di farne una lettura di grande respiro: l’immagine di una terra sfocata, accolta dall’intreccio di piante e animali che appaiono ormai le uniche certezze; del resto se c’è un libro sempre aperto per gli occhi, questo è la Natura.

    In corrispondenza con l’evento la Scuola Primaria ha aperto anche le porte della mostra, frutto del progetto di plesso di quest’anno, “La città che vorrei”: un viaggio che, partendo dal proprio territorio, ha tentato di far conoscere il passato, per valorizzare e promuovere il futuro.
    Ad ogni classe è stata assegnata una zona della città: visite, ricerche ed elaborati plastici e creativi raccontano il percorso intrapreso dalle classi nella conoscenza attiva del passato, con lo sguardo dritto verso il futuro. La mostra infatti definisce una Spoleto futuribile, vista con la creatività e i colori dei bambini.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....