Kenia Carcaces: “A Perugia per aiutare la squadra a dare il massimo”

La schiacciatrice cubana al PalaBarton per il primo allenamento con la Bartoccini Fortinfissi Perugia 

Dopo i controlli medici previsti dal protocollo Kenia Carcaces si appresta ad iniziare gli allenamenti insieme alle compagne, grande soddisfazione per il presidente Antonio Bartoccini ed il vice-presidente Gianluca Gargaglia che rappresenta l’altro title sponsor Fortinfissi per questo colpo di mercato piazzato poco prima dell’inizio di stagione.

Appena arrivata ecco le parole di Kenia Carcaces al PalaBarton per il primo allenamento.Essere a Perugia significa far parte della bellissima storia della pallavolo italiana, ogni stagione è una sfida e un nuovo ricongiungimento con sé stessi, sarà una stagione interessante che dipenderà da come si comporta questo virus, che ci ha colpito tanto nello sport e nel mondo”.

 Gli obiettivi. – “Il mio obiettivo al momento è quello di mettermi in forma fisicamente e tecnicamente per aiutare la squadra a dare il massimo. La mia passione è giocare a pallavolo. Penso che non sia stato un momento facile per il mondo intero in generale, personalmente ho dovuto affrontare situazioni difficili, posso solo ringraziare la società ed una città di storia e pallavolo come Perugia per avermi aperto le porte”.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Paolo 2020-10-25 10:49:21
Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....
Viscos 2020-10-23 19:02:40
.. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....
Marco Silvani 2020-10-20 11:19:19
Infatti le persone dovrebbero pensare prima di parlare sempre che ci riescano.