Il ricordo del sindaco Fabrizio Cardarelli a quattro anni dalla scomparsa

  • Letto 395
  • Le dichiarazioni del sindaco Andrea Sisti e dei consiglieri comunali Maria Elena Bececco e Gianmarco Profili

    “Ricordare Fabrizio Cardarelli a quattro anni dalla sua scomparsa significa non solo onorare la memoria di un uomo che si è impegnato con passione e capacità per la città, amandola profondamente e mettendosi a disposizione della comunità senza risparmiarsi, ma è anche il modo che abbiamo per dare valore alle sue azioni, alla disponibilità che ha sempre dimostrato, al senso civico che ha contraddistinto il suo agire”.

    Con queste parole il sindaco Andrea Sisti ha voluto ricordare l’ex sindaco Fabrizio Cardarelli, prematuramente scomparso il 10 dicembre 2017. “Ricordo ancora la generosità con cui accolse nel 2015 la mia nomina a presidente dell’associazione mondiale degli agronomi. Un uomo che questa città non dimenticherà mai”.

    Eletto nel giugno 2014, Fabrizio Cardarelli è stato sindaco di Spoleto per circa tre anni e mezzo. Dopo la sua scomparsa fu il vicesindaco di allora Maria Elena Bececco, attualmente capogruppo in consiglio comunale di ‘Spoleto futura – Forza Italia’, a guidare il Comune di Spoleto come sindaco facente funzioni.

    “La scomparsa di Fabrizio è stata una grave perdita per me in particolare e per tutta la città. Ho perso il mio professore di matematica, il mio sindaco, il mio amico, una guida e un maestro nella vita, nella professione e nella politica. Allo stesso tempo Spoleto ha perso un grande uomo che, diventato sindaco, è riuscito ad interpretare i bisogni e le necessità dei cittadini e della città. Sempre con il sorriso, ma con una determinazione e una forza, anche etica e morale, che tutti hanno sempre riconosciuto e che noi faremo in modo che non venga dimenticata”.

    Anche Gianmarco Profili, oggi capogruppo di ‘Alleanza Civica – Grifoni Sindaco’, è stato al fianco di Fabrizio Cardarelli durante la sua esperienza amministrativa. “Conoscevo Fabrizio da una vita. Con lui ho condiviso l’esperienza in consiglio comunale, un percorso che poi portò alla sua elezione a sindaco nel 2014. Fin dall’inizio si capiva l’amore che nutriva per la città, così come era chiara la sua visione di futuro. Da sindaco ha fatto sì che questa passione e questa visione fossero i riferimenti della sua azione amministrativa. Ha voluto con forza e determinazione che Spoleto fosse inserita nell’area del cratere dopo il sisma del 2016 e lo ha fatto nonostante in molti allora fossero contrari. Oggi quella scelta, che fu anche di visione, potrà essere, se ben gestita, una delle leve importanti per far ripartire la nostra città. A prescindere dall’appartenenza politica credo che questo gli debba essere riconosciuto. È la dote che ci ha lasciato dal punto di vista politico, insieme al suo sorriso e alla sua generosità”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
    Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio
    fabien 2022-04-09 10:16:14
    Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....