Il Partito Democratico di Spoleto favorevole alla decisione di non chiudere la Ztl fino al 28 maggio

  • Letto 429
  • “Vogliamo mettere in ginocchio le attività e privare di servizi il centro storico?”

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Il Partito Democratico di Spoleto, alla luce della crisi economica determinata da due anni difficilissimi per la pandemia, ritiene inevitabile la decisione del sindaco e dell’amministrazione comunale di permettere nei giorni feriali l’accesso all’area Ztl (fino al 28 maggio), tranne quella di accesso a Piazza Campello e Piazza del Mercato che sarà chiusa. Qualcuno può obiettare che sI è tornati indietro rispetto alla precedente ordinanza che fissava l’orario di accesso nei giorni feriali dalle 6 alle 19.30. A parere del Pd è stato un atto di responsabilità per non mettere in ginocchio le nostre aziende del centro.
    Lo ha ben spiegato il vicesindaco e segretario del Pd Stefano Lisci in Consiglio comunale. L’amministrazione guidata dal sindaco Andrea Sisti, prima di sottoscrivere l’ultima ordinanza ha consultato cittadini e associazioni di categoria che operano nel centro storico. E’ emersa la necessità di favorire al massimo l’accesso in centro per consentire alle attività economiche di riequilibrare la loro difficile situazione economica che ha risvolti sociali non trascurabili.
    Ci possiamo davvero permettere di perdere posti di lavoro e privare il nostro centro storico di servizi?
     
     
    Vale la pena ricordare, alla luce di qualche mugugno, che dietro ad ogni attività economica e produttiva ci sono famiglie e lavoratori. Vale la pena ricordare che lo spopolamento del centro storico, laddove tali attività dovessero cessare, potrebbe essere irreversibile. Una città senza servizi è destinata ad essere abbandonata a se stessa. Un anno di transizione, come ha spiegato Lisci, è una presa in carico di una responsabilità con l’obiettivo di dare ai commercianti, artigiani e quanti altri operano in centro, ma anche ai residenti, la possibilità di continuare a vivere nella nostra bella acropoli.
    Spoleto senza auto è un obiettivo che il Partito Democratico di Spoleto da sempre persegue con tenacia e convinzione. Le opere della mobilità alternativa sono un fiore all’occhiello della città che hanno visto il nostro partito tra i più convinti sostenitori e fautori. Anche in questo caso a chi chiede che venga completato anche il quarto stralcio della mobilità alternativa Lisci ha chiarito quanto già sia difficile e costoso far fronte alla manutenzione e al mantenimento dei tre attuali impianti.
    A questo proposito in sintonia con il sindaco e con lo stesso vicesindaco il Partito Democratico è d’accordo sul fatto di pianificare un nuovo assetto del piano parcheggi che abbia l’intento di favorire le aree di sosta per i residenti e nel contempo l’utilizzo della mobilità alternativa.
    “Un piano – ha detto Lisci in Consiglio comunale – che sarà portato alla partecipazione dei cittadini, delle associazioni di categoria e del mondo culturale e sociale. Raccoglieremo istanze e suggerimenti”. Poi sarà compito dell’amministrazione comunale fare una sintesi e varare il piano già dalla stagione turistica 2023.

     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
    Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio
    fabien 2022-04-09 10:16:14
    Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....