‘Il Circo di Calder’

  • Letto 912
  • “Mezz’ora dopo la chiusura”, l’evento di Palazzo Collicola – Arti Visive, a cura di Sistema Museo, torna venerdì 17 febbraio 2017 alle ore 19.00. Per alcune stagioni, Alexander Calder offrì nel suo studio di Parigi delle performance del suo celebre Circo, privilegiatispettatori furono tra gli artisti più famosi del momento come Mirò, Duchamp e Mondrian. Oggi grazie ad un raro video, potrete rivivere la gioiosa atmosfera di quegli spettacoli grazie ai quali l’artista americano, animando piccoli personaggi di fil di ferro, divertiva i suoi amici.

    La serata prosegue con una degustazione di prodotti tipici della tradizione spoletina. L’evento vede la collaborazione del Con Spoleto – Consorzio Albergatori di Spoleto.

    Quota di partecipazione
    Visita guidata – Intero € 7,00
    Visita guidata – Ridotto € 5,00 per Spoleto Card e fidelizzati

    Apericena – € 5,00

    INFO
    Ai fini organizzativi è gradita la prenotazione entro le ore 13:00 di venerdì 17 febbraio.
    news.spoletomusei@sistemamuseo.it

    0743 46434BANNER-DUE-MONDI

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
    Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
    Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....