I perché del silenzio sulla cancellazione del punto nascite

  • Letto 389
  • Il comunicato stampa dell’Associazione Culturale Casa Rossa 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    IL SILENZIO DEI PARTITI DI GOVERNO E DELL’OPPOSIZIONE, DOPO LA CHIUSURA DEL PUNTO NASCITE DEL SAN MATTEO DI SPOLETO. ANALIZZIAMO I POSSIBILI PERCHÉ.


    Innanzitutto c’è da ribadire che l’impoverimento e la declassificazione di fatto dell’ospedale di Spoleto e’ figlio delle politiche privatistiche praticate da più di 20 anni, che hanno ridotto la malattia a merce e subordinato la salute ai bilanci dell’azienda Sanità, a cui hanno partecipato organicamente sia i governi di Destra che quelli di Sinistra.
    La chiusura del Punto nascite e con essa della pediatria e’ stata una scelta politica, i parametri sono arbitrari e sono solo lo strumento con il quale poi e’ stato possibile la messa in essere della strategia del Governo Regionale della Destra che chiudendo l’ ospedale con l’operazione Covid, ha preparato le condizioni e ha spianato la strada alla cancellazione del servizio decisa dall’omologo governo nazionale.
     
    MA VENIAMO ALLA CONSEGNA DEL SILENZIO.
     
    PRIMA IPOTESI. 
    VALE PER IL CENTRO SINISTRA IN PARTICOLARE. UNA SCELTA FIGLIA DI UN PENSIERO DEBOLE; HANNO CREDUTO CHE CIÒ CHE È STATO OTTENUTO NELLA CONCERTAZIONE, IL FAMOSO 90%, (sigh!) E’ IL MASSIMO OTTENIBILE E SI SONO CHIUSI NEL “FORTINO” DEI PERDENTI.
     
     
    SECONDA IPOTESI. 
    VALE PER TUTTI: DESTRA, SINISTRA CITY FORUM. SONO CONTENTI DEL RISULTATO, DEL “TERZO POLO” OSPEDALIERO, COSÌ COME LO HANNO FATTO INSIEME A TAVOLINO, E INSIEME LO DIFENDONO CON IL SILENZIO.
     
    TERZA IPOTESI.
    VALE PER IL CENTRO DESTRA E IL CITY FORUM. HANNO DELLE CARTE NASCOSTE DA GIOCARE (AMICIZIE IN ALTI SCRANNI) E LE VOGLIONO TIRARE FUORI NEL MOMENTO MIGLIORE, POLITICAMENTE PARLANDO, PER INTESTARSI IL MERITO DI UN’EVENTUALE RIAPERTURA.
     
    Comunque sia, torneremo presto a rompere questo silenzio, insieme ai Comitati. Aspettiamo Coletto, quando verrà, se non e’ la solita comunicazione istituzionale bufala, e gli faremo sentire ciò che vogliamo. Andremo a visita dalla Tesei, la dove presiede e sta, per fargli scrivere sotto nostro consiglio la richiesta al Governo di riapertura del Punto nascite come tutta la città e il territorio chiedono perché ne hanno diritto.
     
    Associazione culturale CASA ROSSA
     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....