Grande successo per lo spettacolo “Aletheia – teatro di voci e corpi di donne”

  • Letto 2982
  •  Lo spettacolo, con la regia di Fabiana Viviani, ospitato all’interno del Free Wor(l) d Festival per la libertà di espressione

    Tutto esaurito, nei limiti delle disponibilità permesse dalla normativa anticovid, domenica sera al Teatro Menotti di Spoleto per il debutto di “Aletheia – teatro di voci e corpi di donne”, che ha chiuso gli eventi del Festival per la libertà di espressione.
    A conclusione della serata la neo presidente della Fondazione “Giulio Loreti Onlus”, Olga Urbani (foto), ha premiato il progetto/spettacolo Aletheia, ideato e realizzato dalla regista Fabiana Vivani che ha guidato le attrici nel percorso di svelamento dei personaggi cui hanno dato voce e corpo sul palcoscenico.

    Queste le dichiarazioni della regista: “Grazie ad Olga Urbani, donna e professionista sensibile e coraggiosa, Presidente della fondazione Giulio Loreti per questo prestigioso riconoscimento che condivido con tutte le attrici dello spettacolo e con Marina Antonini Presidente dell’Associazione “Donne contro la guerra” che ha sposato, sostenuto e supportato questo progetto significativamente e per questo lo impreziosisce notevolmente.
    Il ringraziamento va anche all’amministrazione comunale e all’Assessorato alla cultura di Spoleto, che ci ha consentito di presentare in anteprima nazionale lo spettacolo in uno dei teatri più belli al mondo, Teatro Nuovo G. Menotti, e al Free Wor(l) d Festival per la libertà di espressione che ci ha ospitate.
    In particolare tengo a sottolineare l’infinita gratitudine ed ammirazione nei riguardi di coloro che si sono impegnate fattivamente alla realizzazione dello spettacolo: Maura Coltorti, Emanuela Duranti, Laura Frascarelli e Leonilde Gambetti.
    La lettera A campeggia su tutto: A come arte, A come ardore, A come amore; queste parole incarnano l’essenza del progetto/spettacolo ALETHEIA.
    Dedico a tutti gli spettatori, così numerosi e densi di commozione, questi versi di Platone nel “Simposio”, declamati dalla sacerdotessa Diotima di Mantinea: “al fine di raggiungere il Bello, salire sempre di più, come procedendo per gradini, da un solo corpo bello a due, e da due a tutti i corpi belli, e da tutti i corpi belli alle belle attività umane… e così giungendo al termine, conoscere ciò che è il Bello in sé.”
    Sono grata alla vita e a me stessa per questo dono, per questo dialogo profondo ed intenso con donne ed artiste vere e vive che sono, come scolpisce la poetessa Gualtieri, pepite d’oro!”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2022-06-30 06:49:11
    Sicuramente il Sindaco Sisti sull 'ospedale e' più muto di una mummia, ma un comunicato come questo del City Forum.....
    Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
    Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio