Giano dell’Umbria, il bilancio dell’attività di Polizia Locale per il 2021

  • Letto 295
  • Il 90 % delle violazioni sono state riscontrate nella frazione di Bastardo

    Sono state 114 le multe elevate dagli agenti di polizia locale del comando di Giano dell’Umbria – si legge in una nota stampa del Comune –  nel corso dell’anno 2021 per le violazioni del Codice della strada, in sensibile calo rispetto allo scorso anno. L’infrazione più frequente, 29 casi, è stata quella relativa al divieto di sosta o di fermata (articolo 158), seguita dai 23 casi per mancato uso delle cinture di sicurezza (articolo 172) e dai 12 casi di violazione dell’articolo 7.

    Ben 7 i veicoli fermati e trovati senza assicurazione. Il 90 per cento delle violazioni sono state riscontrate a Bastardo, il centro più grande del territorio, dove si registra il maggior flusso veicolare. Proseguono così le attività disposte dall’amministrazione comunale per garantire la maggior sicurezza possibile per i cittadini, tanto contro i reati predatori, con l’installazione di telecamere lungo le principali arterie viarie, nei cimiteri e presto anche in altri luoghi pubblici, quanto per la circolazione stradale, in sinergia con tutte le forze dell’ordine preposte.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Francesco 2022-08-16 21:54:19
    Insisto ancora nel dire che un conto sono gli eventi come quello bellissimo ed importante di settembre che vedrà la.....
    giotarzan 2022-07-30 18:32:22
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    giotarzan 2022-07-30 18:29:42
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    Manuele Fiori 2022-07-07 18:07:34
    Finalmente un volto nuovo e persone serie al comando. Tanti auguri a tutti!
    Aurelio Fabiani 2022-07-07 10:27:07
    Sono d'accordo con Sergio Granelli. Se la Tesei e soci hanno dato il colpo più duro, quasi mortale, non si.....