Ex Cementir, presentata un’interrogazione a firma di Partito Democratico, Ora Spoleto e Per Spoleto

  • Letto 352
  • «chiediamo al Sindaco se intende farsi parte attiva, insieme alla Regione, per la convocazione immediata del tavolo presso il Mise»

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    In questi giorni è stata naturale la presenza di tutta la politica accanto ai lavoratori della Cementir che stanno vivendo uno dei periodi più difficili della loro vita. Dopo le dichiarazioni di unitarietà e l’incontro, voluto dal Partito Democratico, con l’Assessore regionale Fabio Paparelli e con i lavoratori del sito e le loro rappresentanze sindacali sabato scorso, ora serve un atto che segni la strada per poter fare tutto il possibile per una delle ultime aziende che ancora resiste, con grande difficoltà, in una economia cittadina ormai allo stremo.

    Per questo il Partito Democratico, insieme alle liste civiche Ora Spoleto e Per Spoleto, ha presentato oggi un’interrogazione al Sindaco De Augustinis.

    Tutte le forze politiche sono preoccupate per il futuro dei lavoratori – si legge nel testo dell’interrogazione – ma la solidarietà non basta, Spoleto e la Cementir hanno bisogno di impegni concreti da parte delle Istituzioni e delle forze economiche e sociali.
    Nel corso dell’incontro con l’Assessore Paparelli è emersa la necessità di richiedere con forza al governo nazionale la immediata convocazione presso il Ministero dello Sviluppo Economico delle parti interessate con l’obiettivo di chiedere il rispetto degli impegni sul mantenimento dei livelli occupazionali, assunti proprio in quella sede dalla Italcementi in sede di acquisizione del sito.

    Bisogna far ripartire immediatamente il forno che dal 1 marzo risulta inattivo ma che è funzionale al mantenimento del processo produttivo. Il tavolo presso il Mise dovrà inoltre servire a sollecitare il governo sullo sblocco delle opere pubbliche a livello nazionale e di estendere la sburocratizzazione per la ricostruzione post – terremoto nelle città che fanno parte del cratere così come avvenuto per il Ponte Morandi di Genova.

    Fatte tutte queste premesse chiediamo al Sindaco se intende farsi parte attiva, insieme alla Regione, per la convocazione immediata del tavolo presso il Mise, anche sollecitando i parlamentari umbri. Chiediamo, inoltre, se non sia il caso di evitare la frammentazione di diversi tavoli con le parti, partecipando solo a quelli regionali e nazionali, non avendo il Comune strumenti normativi e risorse finanziarie per assicurare interventi concreti. Chiediamo, infine, se il Sindaco intenda, come necessario, seguire personalmente e senza delegare altri la vicenda, data l’importanza per le 84 famiglie coinvolte, oltre l’indotto, e per il loro futuro che preoccupa tutta la comunità cittadina.

    Partito Democratico

    Ora Spoleto

    Per Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Paola 2019-05-10 21:28:03
    Ma il Sindaco di Spoleto?
    Antonio 2019-05-05 19:56:24
    Meglio il clientelismo arrogante, iniquo e supponente del PD? Meglio il fascismo rosso , la dittatura ipocrita degli amici degli.....
    luigi 2019-04-29 17:16:30
    soltanto una precisazione senza far polemiche , il campo e comunale e non della fenice che lo ha avuto per.....
    Franco Spitella 2019-04-28 21:28:38
    Quando non si sa più che dire, si cambia discorso. Tanto la figuretta ....... l'hai già fatta.
    Casa Rossa - Francesco Spitella 2019-04-27 22:14:57
    Non si capisce bene quale intervento Sante Donati abbia letto, forse ha sbagliato pagina, oppure si è confuso con qualche.....