Dragan Travica: “Un’emozione la prima volta con Perugia”

  • Letto 177
  • 48 ore alla prima ufficiale stagionale dei Block Devils. Parla il neo regista bianconero: “Siamo felici di ricominciare, di tornare a vivere il nostro mondo e di rimettere le maglie ufficiali. Mi spiace non avere la cornice di pubblico che qua, venendo tante volte da avversario, ha sempre fatto la differenza. Ma sono sicuro che quel giorno arriverà. Resta l’emozione per l’esordio con questa maglia, cercherò di dare il meglio e speriamo di iniziare nel modo giusto” 

     

    48 ore all’esordio stagionale della Sir Safety Conad Perugia che domenica scende in campo al PalaBarton (ore 20.35, diretta su Raisport) contro la Leo Shoes Modena per l’andata della semifinale della Del Monte® Supercoppa (ritorno a Modena domenica 20).
    Lo farà con l’apporto di una parte del proprio pubblico in virtù dell’Ordinanza firmata ieri dalla Regione Umbria che consentirà l’accesso al palasport di Pian di Massiano per il 25% della capienza.
    Lavoro tecnico e di studio tattico oggi per coach Heynen ed i suoi ragazzi, ansiosi di tornare ad assaporare le emozioni di una partita ufficiale dopo oltre sei mesi (ultimo match ufficiale disputato da Perugia lo scorso 4 marzo a Novy Urengoy per la Champions League).
    A due giorni dal debutto ufficiale parla il nuovo regista bianconero Dragan Travica.
    “Finalmente si torna in campo dopo così tanti mesi senza giocare, certamente un brutto record che speriamo non capiti più. Siamo felici di ricominciare, siamo felici che la gente ci guardi e che capisca che siamo tornati a vivere il nostro mondo, siamo felici di rimettere le maglie ufficiali, di giocare per qualcosa che conta e di avere un po’ di pubblico, anche se è sempre troppo poco. Ovviamente domenica il risultato conta, ma certamente la prima grande emozione sarà scendere in campo per una partita vera”.
    Sarà una Perugia che punterà forte sul proprio servizio.

    “La nostra è una squadra dotata al servizio, un fondamentale che si allena, ma che resta sempre un fondamentale individuale in cui ognuno deve trovare il proprio giusto feeling con il lancio, con il movimento e con il colpo sulla palla. Puntiamo sul servizio, come tante altre squadre, ci lavoriamo con convinzione, costanza e quotidianamente, sapendo che il servizio non risolve tutto, ma al tempo stesso credendo in questo fondamentale”.
    Una grande carriera alle spalle e tanta esperienza accumulata (tra l’altro Dragan è uno dei due ex della partita insieme a Nemanja Petric) non superano l’emozione dell’esordio ufficiale con la Sir Safety Conad Perugia.
    “La prima volta con Perugia mi trasmette un’emozione grande, un po’ come il primo giorno di scuola. Sono molto felice, non lo sono altrettanto per la cornice di pubblico che purtroppo non potremo trovare domenica e che qua, venendo tante volte da avversario, ha sempre fatto la differenza. Godere del calore dei tifosi è uno dei motivi per cui sono venuto a Perugia. Domenica purtroppo non potrà essere così, ma sono sicuro che quel giorno arriverà. Resta l’emozione per la prima partita con questa maglia, cercherò di dare il meglio e speriamo di iniziare nel modo giusto”.  

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    carlo Bussoni 2020-11-23 07:16:54
    In effetti si tratta di via esterna delle mura. Anche io faccio sempre confusione...interna...esterna.....
    Max 2020-11-22 18:39:24
    Via Interna delle Mura si trova in un'altra parte di Spoleto, è la parallela del tratto in piano di viale.....
    Carlo Neri 2020-11-05 18:14:10
    Per 150 euro al mese, ci vada il sindaco a pulire i cessi!
    Aurelio Fabiani 2020-10-29 09:13:13
    SENZA VERGOGNA. La Destra si "intorcina" tra facce impresentabili e ipocrisie sconfinate. I due signori rappresentanti dell'estrema Destra umbra che.....
    Paolo 2020-10-25 10:49:21
    Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....