“Dove sono finite le promesse del Sindaco?”

  • Letto 438
  • I consiglieri Comunali Frascarelli, Settimi e Profili intervengono sulla vicenda della scuola di Beroide

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Accusava tutti di fare propaganda da campagna elettorale, di fare politica di basso livello sulla vicenda della scuola di Beroide……, diceva di aver parlato con tutto il mondo per il problema della scuola, ci ricorda il motivo che cantava Mina, parole, parole, soltanto parole!
    Le pubbliche amministrazioni come abbiamo sempre sostenuto si esprimono per atti formali, e solo quelli valgono.
    La premessa era doverosa, perché con la delibera di giunta n.182 del 23 settembre u.s., sono svanite in un istante tutte le sue promesse.
    La delibera, con la quale si è approvato il progetto di fattibilità, atto necessario per partecipare al bando promosso dalla Regione, ci conferma quanto da noi sempre sostenuto.
    I lavori necessari per il ripristino di un livello minimo statico dell’edificio non possono prescindere da un livello minimo di resistenza alle sollecitazioni sismiche. Quindi bando alle chiacchiere dei i soli lavori a livello statico, di poco superiore ai 100 mila euro, con ipotetico termine dei lavori per la fine di quest’anno.

    Nella delibera si ipotizza un intervento in due fasi, la prima per circa 800 mila euro, necessari per un ripristino del livello statico, e con un necessario miglioramento sismico, per un raggiungimento del valore di vulnerabilità sismica pari allo 0,6 e successivamente la seconda fase per altri circa 600 mila euro, per l’adeguamento sismico. Lo stesso progettista si augura che i lavori avvengano in un’unica fase. Ad oggi non esistono le risorse, ma solo ipotesi, ed i tempi necessari per effettuare i lavori sono molto più lunghi di quelli fin qui raccontati dal sindaco.

    La realtà è una, il problema della scuola esiste, ma è altrettanto vero che fin dal consiglio comunale del novembre 2019 il sindaco de Augustinis ha sottovalutato il problema, e poi come suo solito fare, ha prima cercato dei colpevoli e poi ha raccontato alle famiglie soluzioni irrealizzabili.
    Forse sarebbe stato più corretto raccontare la verità, e concentrarsi da subito su soluzioni percorribili.

    Ilaria Frascarelli
    Gianmarco Profili
    Roberto Settimi

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Paolo 2020-10-25 10:49:21
    Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....
    Viscos 2020-10-23 19:02:40
    .. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
    Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
    I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
    Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
    Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....
    Marco Silvani 2020-10-20 11:19:19
    Infatti le persone dovrebbero pensare prima di parlare sempre che ci riescano.