Denuncia civica: la giungla in viale Trento e Trieste

  • Letto 1292
  • (DMN) Spoleto – Non è di certo il biglietto da visita che merita Spoleto, quello che potrebbe essere esibito ad un turista che decide di arrivare in Città con il treno e appena uscito dalla stazione  si trova a percorrere viale Trento e Trieste. La segnalazione ci giunge da un residente del viale che grazie ad un contributo fotografico ci fa notare lo stato di incuria delle aiuole che percorrono tutta la lunghezza della trafficatissima strada che dal ‘Teodelapio’ di Calder arriva fino alla ‘Colonna del viaggiatore’ di Arnaldo Pomodoro. Dalle immagini si può vedere come le erbe spontanee si sono impossessate delle aiuole superando in alcuni casi anche il metro di altezza e la sabbia marina posizionata in primavera per creare decoro ed evitare la formazione delle stesse sia stata lavata via immediatamente dalle prime piogge subito dopo il suo posizionamento. Quello che dalle immagini sembrerebbe un fosso di campagna non è altro che un aiuola a ridosso del centro storico di Spoleto.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
    Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
    Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....