De Cecco: «La Supercoppa è finita, fa già parte del passato. Un passato certamente bellissimo, ma noi dobbiamo pensare a voltare subito pagina e guardare avanti spostando tensione agonistica e contrazione sulla Superlega»

  • Letto 249
  • La Sir Safety Conad Perugia a lavoro per preparare la trasferta di Monza

    Rientrata prontamente a lavoro la Sir Safety Conad Perugia.

    Dopo la splendida due giorni di Civitanova Marche, culminata con la conquista della Supercoppa Italiana in finale contro Modena, e dopo la domenica di riposo concessa ai ragazzi, oggi tutti in palestra in casa bianconera perché è già dietro l’angolo il prossimo impegno ufficiale, la trasferta a Busto Arsizio in casa del Vero Volley Monza mercoledì sera, match valido per la terza giornata di Superlega.

    Match assolutamente importante per Heynen ed i suoi ragazzi perché è necessario dare sprint alla partenza in campionato e perché quella di Monza sarà la prima di tre trasferte consecutive per Perugia (il 10 si va a Civitanova Marche ed il 14 a Padova) tutte molto complicate.

    A suonare la carica in casa bianconera ed a focalizzare l’attenzione sui prossimi impegni è il capitano Luciano De Cecco:  

    “La Supercoppa è finita, fa già parte del passato. Un passato certamente bellissimo, ma noi dobbiamo pensare a voltare subito pagina e guardare avanti spostando tensione agonistica e contrazione sulla Superlega e nello specifico sulla trasferta di Monza. Abbiamo necessità di spingere sull’acceleratore e di andare a cercare la vittoria. Non sarà facile perché Monza è un’ottima squadra che, anche se ancora non avrà Orduna, ha comunque tanti altri giocatori forti ed in grado di metterci in difficoltà. Penso però che noi, soprattutto in questa fase della stagione, dobbiamo guardare principalmente nella nostra metà campo. Cosa guardare? Direi un po’ tutto, nel senso che, aldilà di qualche sicurezza in più che abbiamo rispetto all’inizio, ci sono davvero ampi margini di miglioramento sia sul sistema di gioco che su aspetti e fondamentali individuali. Purtroppo riusciamo ad allenarci poco e su questi aspetti dovremo imparare a lavorarci anche in partita. Ma il gruppo ed i giocatori ci sono, siamo un team compatto e lo abbiamo dimostrato”.

    Il regista argentino torna per l’ultima volta sul successo della Supercoppa:

    “A Civitanova Marche sono stati due giorni che abbiamo vissuto molto serenamente. Abbiamo espresso una pallavolo continua ed un bel livello, ma ripeto che abbiamo davanti molto da fare. Il risultato è importante per tanti aspetti ovviamente e porta anche entusiasmo in palestra. Ma è anche vero che siamo appena agli inizi della stagione, le nostre ambizioni sono più alte della Supercoppa, che pure resta un trofeo importante, e quindi siamo tutti già ampiamente motivati nel proseguire per la nostra strada”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Zorro 2020-07-23 19:20:34
    In genere ci sono due gatti un cane ed un cavallo agli eventi compresi il direttore di palazzo collicola ma.....
    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......