Cucina spoletina in Giappone con il “Be’ che è ?!”

  • Letto 913
  • Apre il primo ristorante della tradizione spoletina a Yamaguchi foto

    di Alessio Cao

    (DMN) Yamaguchi – Apre ufficialmente nel mese di ottobre a Yamaguchi, il primo ristorante di cucina spoletina in Giappone. Il noto artista cittadino Roberto Pibiri e la moglie Tae Tokawa hanno dato vita al “Be’che è ?!” Italian shokudou, una trattoria come tipologia di cucina, ma con servizio di alta qualità.

    Dichiara il proprietario Roberto Pibiri: “Abbiamo una bravissima cameriera che accoglie e coccola i clienti col raffinato stile giapponese, descrive i piatti e i vini con molta competenza. La cucina è quella tipica della mia Spoleto, dove le ricette di vecchia tradizione sono proposte il più fedelmente possibile in base ai prodotti reperibili al mercato del fresco, il shinsenichiba, dove piccoli produttori vendono i loro prodotti ortofrutticoli e carni della zona, a km 0”.

    Piatti della tradizione, un’accurata selezione di vini dell’Umbria, prodotti da cantine di eccellenza e di nicchia e una deliziosa produzione casalinga di salumi accompagnano il commensale in un viaggio in Italia e nella verde Umbria,
    attraverso sapori e odori inconfondibili.

    Il locale ricavato da una vecchia casa in stile Showa, con due giardini uno dei quali retrostante alla dimora, è in stile Nihon niwa, restaurato da un bravissimo giardiniere. Negli interni i colori ricordano le tinteggiature tipiche dei palazzi storici di Spoleto, ma con un occhio rivolto al contemporaneo.
    Una pubblicità positiva in Giappone per Spoleto e per l’Umbria, che speriamo possa saldare ancor più il nascente rapporto tra nostra città e Yamaguchi.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2019-10-22 07:44:46
    Sì, ma non è Piazza del mercato, ma via Arco di Druso!
    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.