Compagni di scuola a cena insieme dopo quasi 40 anni

  • Letto 480
  • Inaspettato regalo di Natale per le maestre Rosanna Marcelli e Maria Grazia Fanelli

    Le vacanze di Natale e le festività collegate sono sempre occasione propizia per ritrovare parenti ed amici che, durante l’anno, si perdono di vista; ma quanto successo a Giano dell’Umbria, lo scorso 27 dicembre, supera e di parecchio queste abitudini. Gli alunni classe 1972, che frequentarono la locale Scuola Elementare (così si chiamava ancora!), hanno organizzato una bella rimpatriata che ha coinvolto anche le due maestre (la doppia insegnante era resa necessaria dal tempo pieno): Rosanna Marcelli e Maria Grazia Fanelli (che, solo qualche anno dopo, sarebbe diventata Dirigente Scolastica del 1°Circolo di Spoleto). Per le due insegnanti lo squillo del telefono ha rappresentato un meraviglioso, quanto inaspettato, regalo.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    Dopo qualche iniziale momento per rompere il ghiaccio, il tavolo è diventato un familiare luogo di confronto, ma soprattutto l’occasione, nonostante i quasi quaranta anni passati, per ricordare tanti episodi che contraddistinsero la vita di classe, all’insegna dell’inevitabile emozione.
    Cinzia, Daniela, Fausto, Federica, Francesca, Gianluca, Giorgio, Massimo e Menica hanno promesso che non aspetteranno così tanto tempo per organizzare un nuovo incontro.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    operaia 2019-03-13 14:41:19
    senza dubbio va alzato il livello della mobilitazione!
    Carlo Alberto Bussoni 2019-03-10 08:46:39
    Sanzionati "de che"'. C'è qualche possibilità che paghino anche un solo centesimo? Ed ancora..."è stato adottato il provvedimento del foglio.....
    Graziano evangelisti 2019-02-27 00:24:18
    prendo
    Moreno Angeli 2019-02-25 17:24:17
    Rip uomo buono e onesto .A Daniela e figli le mie più sentite condoglianze
    Carlo Alberto Bussoni 2019-02-25 09:34:40
    Nooo! Sentite condoglianze alla famiglia (per quello che possono servire). Comunque era originario della parrocchia di san Filippo.