Chiusura filiale Banco Desio, il parere di SiAmo Castel Ritaldi

  • Letto 626
  • “Quando si diventa grotteschi”

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Quando si diventa grotteschi.
    Anche il Banco Desio (ex Banca Popolare di Spoleto) lascia questo territorio. Il disagio è forte per tutti. Il commerciante che deve versare l’incasso. Il pensionato che deve pagare la bolletta. Lo studente che ha bisogno di un po’ di liquidità. La necessaria spesa settimanale. Il bonifico “al volo” al fornitore. Etc etc… Insomma una crepa difficile da colmare. 
    Sebbene sia il segno dei tempi. In questo periodo di pandemia e in comunità, come la nostra, dove non tutti sono così “digitali”, dove la digitalizzazione a volte è più un impresa che un’agevolazione, si lascia un terreno dove oggi non si fa più profitto. 
     
     
    E l’entità locale più vicina al cittadino, il Comune di Castel Ritaldi, che fa? In pratica nulla. Fa sorridere uscire oggi con un articolo, quando si sa che le scelte sono già state prese da tempo, per rabbonire il cittadino, quando ci si è lasciati sfuggire due mesi fa Banca Intesa San Paolo senza nemmeno ottenere un bancomat.
     
    Ne serve chiamare a cose fatte l’opposizione che forse andava coinvolta molto prima per intavolare una trattativa serrata con la controparte dato che non possiamo pensare che di questa chiusura si sappia solo ora. 
     
    Maldestramente poi si cerca di dare la colpa genericamente a quelli di prima senza dire per cosa e perché. Un tempo si lottava anche per un piccolo presidio postale rimasto nell’arroccata Castel Ritaldi. Oggi basta un post su facebook, anche mal scritto, o un articolo dove ci si indigna per mettersi la coscienza a posto. E così anche questa perdita passerà in sordina. 
     
    Non funziona così. Almeno un bancomat deve rimanere. Doveva rimanere per Banca Intesa San Paolo e così non è stato, deve rimanere per il Banco Desio, la celebre Ex Banca Popolare di Spoleto. 
    Bisogna dare uno spazio per un bancomat localizzato necessariamente alla Bruna. Il resto sono chiacchiere.
     
    Gruppo SiAmo Castel Ritaldi 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2021-04-29 20:27:17
    NON È COL QUALUNQUISMO CHE SI SALVA L'OSPEDALE DI SPOLETO E LA SANITÀ PUBBLICA. Col qualunquismo si riciclano solo i.....
    Andreas Müller 2021-04-26 21:27:06
    Viele Grüße aus Deutschland für deine Musik!
    carlo 2021-04-10 17:38:23
    Me sta bene tutto, ma tocca esse 'mbriachi o camminare con la testa tra le nuvole. meglio che se ne.....
    Le ceneri di Gramsci 2021-04-05 14:08:06
    La lettura del comunicato del PD rappresenta, per chi fosse un vecchio simpatizzante, un vero insulto alla tradizione di un.....
    Zorro 2021-04-03 10:46:44
    Questi sono i cosiddetti civici volontari...o meglio i dott.vinavil....che vergogna solidarietà al dott marco trippetti!