Castel Ritaldi: ritorno al futuro del controllo di vicinato

  • Letto 247
  • Il comunicato stampa 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Giovedì scorso, il gruppo dei coordinatori del Controllo di Vicinato di Castel Ritaldi, si è riunito per gettare le basi di un ritorno all’opera del progetto, che in recente passato aveva portato alla riduzione del 90% dei reati nel territorio. La partecipazione dei cittadini alle pratiche di “Sicurezza”, non sempre entusiasma le Istituzioni che passano dall’ignorare completamente i sodalizi esistenti, dimenticando protocolli di intesa firmati in Prefetture, al rassicurare sul supporto senza renderlo concreto o mettendo paletti ingiustificabili.

    Il venir meno delle aspettative di supporto da parte delle Istituzioni (prefetture, sindaci o forze dell’ordine) scoraggia le aggregazioni dei cittadini e di conseguenza impedisce la diminuzione dei reati in alcuni territori e la conseguente auspicata coesione sociale tra gli abitanti, danneggiando lo stesso concetto di sicurezza partecipata. Come si può partecipare se si smorza ogni entusiasmo? La società cambia continuamente e, per questo, cambiano anche i comportamenti delle persone, passando da stimolanti iniziative di compartecipazione a ritiro sociale e paura del prossimo. Il controllo di vicinato limita questi comportamenti e regola la paura, puntando sul “mal comune mezzo gaudio” e sul mutuo soccorso. Rifacendoci alle parole del nostro presidente (associazione INWA) Francesco Caccetta, lette sul suo ultimo articolo (www.convincere.eu) , possiamo dire che in questo momento storico dovremmo smetterla di guardare con timore ai numeri delle statistiche dei reati, tornando, invece, al concetto di resilienza e comunità. Siamo sempre stati convinti che il supporto delle Istituzioni sia importante per la completa realizzazione del progetto, ma non indispensabile (se non veramente creduto e partecipato). Il controllo di vicinato o meglio la “comunità di vicinato” può ritrovare il giusto input per ricominciare a pensare a una comunità coesa e impenetrabile adottando gli sperimentati metodi di self protection che sono stati insegnati dalle associazioni. La coesione sociale, l’eliminazione delle proprie vulnerabilità ambientali e comportamentali e il corretto supporto alle forze dell’ordine con segnalazioni qualificate, fa dei cittadini uno scudo contro i delinquenti incursori dei nostri territori. Tutto questo, con il chiaro e inderogabile concetto che la persecuzione dei malviventi rimanga di esclusiva competenza delle forze dell’ordine e di nessun altro. Adesso ci aspettiamo un ritorno al futuro del progetto con la partecipazione massiccia degli abitanti di Castel Ritaldi.


    Il responsabile del CDV di Castel Ritaldi
    Dott. Fabio Marchionni

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....