In scena i giovani talenti della Compagnia dell’Accademia “Silvio d’Amico”

Carlo Cecchi è tra i grandi registi in arrivo a Spoleto per la sessantaseiesima edizione del Festival dei Due Mondi: dal 24 al 28 giugno al Teatrino delle 6 “Luca Ronconi”, Cecchi guida gli allievi della Compagnia dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” in Sarto per signora di Georges Feydeau. Il dottor Moulineaux, protagonista di questo esilarante vaudeville, cela la sua infedeltà in un susseguirsi di equivoci. In una irresistibile frenesia scenica, i personaggi fanno il loro ingresso – fra colpi di scena, sotterfugi e bugie – rivelando il vuoto di valori di una società fondata solo sull’apparenza. Lo spettacolo è una nuova produzione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”, ed è presentato in prima assoluta. In scena ci sono Anna Bisciari, Lorenzo Ciambrelli, Doriana Costanzo, Marco Fanizzi, Vincenzo Grassi, Ilaria Martinelli, Sofia Panizzi, Marco Selvatico, con Danilo Capezzani come regista assistente, i costumi di Maria Sabato e le luci di Camilla Piccioni.
 
Anche quest’anno l’Accademia “Silvio d’Amico” rinnova la sua presenza al Festival con un ricco programma di spettacoli e con alcuni dei più affermati registi italiani: oltre a Carlo Cecchi, Antonio Latella firma la regia di Il Male Sacro di Massimo Binazzi, coproduzione con il Festival di Spoleto in prima assoluta (Teatrino delle 6 Luca Ronconi, 7-9 luglio), Massimiliano Civica guida gli allievi del II anno dei corsi di Recitazione e Regia in un’esercitazione (1-3 luglio, Sala Frau), e Massimiliano Farau mette in scena Tutto è bene quel che finisce bene di William Shakespeare con gli allievi del I anno.
La rassegna completa è consultabile al sito www.festivaldispoleto.com e include la XIV edizione del Progetto Accademia, dedicato alla presentazione dei migliori saggi dell’anno accademico 2022/2023, la X edizione dell’European Young Theatre, che vede attori e registi allievi delle più importanti scuole europee confrontarsi in una Group Competition, e gli spettacoli vincitori del Premio Andrea Camilleri per le giovani generazioni di artisti.
 
Da oggi lunedì 22 maggio sono in vendita anche gli spettacoli in scena al Teatrino delle 6 “Luca Ronconi” Sarto per signora e Il Male Sacro, l’incontro con Stefano Mancuso Plant Revolution (8 luglio) ed è possibile prenotare gli ingressi per il concerto gratuito dell’organista Cameron Carpenter alla Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli di Assisi (7 luglio).
È possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli online su www.festivaldispoleto.com, tramite il Call Center al numero +39 0743 776444 e presso il Festival Box Office di via Saffi, 12 (aperto tutti i giorni con orario 10-13 e 15-18), il Box Office Vivaticket in viale Trento e Trieste 78 e i Punti vendita nazionali Vivaticket, elencati sul sito www.festivaldispoleto.com 
 
Segnaliamo inoltre che la recita dell’opera Pelléas et Mélisande in programma domenica 25 giugno si svolgerà alle ore 19 anziché alle ore 16, la recita dello spettacolo Clara Haskil. Prélude et fugue di sabato 1° luglio si svolgerà alle ore 16 anziché alle ore XX, il concerto di mezzogiorno di sabato 24 giugno Il Carnevale degli animali andrà in scena all’Auditorium della Stella anziché presso la Chiesa di Sant’Agata.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
Alex 2024-04-20 21:19:21
Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....