“Basta credere ai somari che volano!”

  • Letto 698
  • La nota stampa dei consiglieri Cretoni, Dottarelli, Grifoni, Imbriani e Profili 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    BASTA CREDERE AI SOMARI CHE VOLANO!!!!!!

    Sceneggiate in Consiglio Comunale, seduta del 21 marzo us: atto secondo.
    Il Sindaco, nell’affrontare l’argomento relativo all’acquisizione di Piazza d’Armi, smentisce di sana pianta l’Assessore Albertella che, qualche minuto prima, aveva sollevato difficoltà sulla possibilità che ciò potesse
    avvenire. Marcia indietro compagni!!!! Non è vero niente, tutto è sotto controllo. Poi, con la coda dell’occhio, si accorge che l’imbarazzo è generale ed occorre subito rimediare, infondendo nuovamente entusiasmo e aspettativa. Come?
    Sparandola ancora più grossa di quella appena annunciata. E così, con il candore di un novizio, sempre a proposito di impiantistica sportiva, proclama un accadimento straordinario, ovvero di aver avuto un incontro con la Federazione di Atletica leggera regionale. L’incontro era finalizzato a trovare soluzione per riqualificare l’apposita pista e questo perché, parole del Sindaco, ” Nel PNRR, missione cinque, è previsto circa 1 milione per la rigenerazione degli impianti, se portata avanti da parte delle varie Federazioni a livello regionale. Ogni Regione ha la possibilità di fare la rigenerazione di un impianto”.
    Tanto basta ai Consiglieri di maggioranza per dimenticare la poco edificante figuraccia fatta un minuto prima e, come per incanto, le ventate di imbarazzo che spiravano fra i loro banchi, diventano miracolosamente sprazzi incantati di arcobaleno.
    Peccato che, quanto affermato in corner dal Sindaco Sisti, ancora una volta non risponde a verità!

    In realtà le Federazioni sportive avevano ognuna la possibilità di presentare, entro lo scorso 22 Aprile, un unico progetto a livello nazionale finanziabile per un valore di 4 milioni di euro (bando relativo al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, Missione 5 – Componente 2 – Investimento 3.1) e non uno per Regione.
    Se il Sindaco quindi ha parlato senza saperlo, è grave.
    Se ha parlato sapendo di mentire, è gravissimo!
    Dopo il Consiglio, svuotata l’otre di fumo, ecco che Sisti, fallito l’approccio dilettantistico con la Federazione di Atletica ed in piena zona cesarini, ha provato a contattare quella di Triathlon.
    Quando però si annaspa si stenta!
    Ed infatti anche questa Federazione ha risposto picche, preferendo la proposta arrivata da Cesena.
    Ormai disarmato, ed in previsione di un boomerang mediatico, zitto, zitto, insieme al suo Vice Lisci, il primo cittadino ha incontrato i gestori della pista di atletica, informandoli di quanto era accaduto, ma rassicurandoli sul fatto che l’Amministrazione avrebbe comunque trovato i finanziamenti per rifare la pista. Incontro rivelato, in assoluta buona fede, proprio da costoro durante una intervista televisiva.
    Allora ci chiediamo: perché il Sindaco o il suo Vice non hanno mai riferito in Consiglio Comunale, che è la sede naturale, di tale incontro e di tale progetto? Perché si continua ad agire nella piena scorrettezza istituzionale?
    A quali finanziamenti alternativi pensano i due, ormai unici ed assoluti, “deus ex machina” della Giunta?
    Forse a quel milione di euro che era inserito nel pacchetto dei fondi complementari sisma?
    Lo sanno che non sarà più possibile farlo, visto che il Comune di Spoleto non ha avanzato alcuna richiesta?
    Come e quando il Comune rigenererà pertanto il campo di atletica? Vogliamo saperlo nelle sedi opportune e senza tanti giri di parole o incontri segreti!
    Se il Sindaco vuol quindi continuare a perseverare nel leggere il libro dei sogni, pieno zeppo di fumosi propositi, lo faccia nel corso delle sue riunioni di maggioranza, laddove è creduto a prescindere e dove troverà sempre chi, voltandosi verso il supino ubbidire, schiaccerà il bottone del consenso e dell’approvazione.
    A noi dell’opposizione interessano i fatti concreti ed i veri progetti di rilancio socio-economico, senza disperdersi nei rivoli dell’illusione, che spesso, oltre a non averci portato nulla, ci hanno tolto anche la possibilità di seguire altre strade produttive.
    Se poi qualcuno, magari forzatamente, magari per interesse, magari calpestando la propria dignità ed il proprio passato politico, vuol credere ancora ai somari che volano, lo faccia pure, prima o poi si accorgerà che gli zoccoli, per fare strada, dovranno poggiare sulla terra ferma.
    E del terreno delle opportunità a noi spoletini non ce n’è rimasto purtroppo tanto.


    Spoleto 5 maggio 2022


    Alessandro Cretoni
    Alessandra Dottarelli
    Sergio Grifoni
    Paolo Imbriani
    Gianmarco Profili

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Michele Zicavo 2022-11-30 10:07:50
    Ringrazio tutta la Redazione per l'attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti di questi meravigliosi ragazzi e del progetto "Calcio.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-28 21:38:55
    Ben arrivati. Il treno della protesta è partito 55 giorni fa. Comunque vediamo che volete fare.
    Aurelio Fabiani 2022-11-23 10:23:54
    INTITOLARE UNA STRADA A GINO STRADA. OTTIMA PROPOSTA. MA SE POI FAI LA STRADA OPPOSTA, QUESTA PROPOSTA NON E' UNA.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-16 20:52:40
    Vigilare sul previsto? Hanno già fatto. Chiuso il punto nascite. A chi tiene in mano le chiavi del city forum.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-08 06:56:41
    Hanno anche il coraggio di parlare!