Anche Massimo D’Alema a Spoleto per far conoscere il ‘suo’ vino

  • Letto 3275
  • C’era anche l’ex Presidente del Consiglio dei Ministri, Massimo D’Alema, questo pomeriggio in occasione del l’undicesima edizione di Vini nel Mondo al Chiostro di San Nicolò a guidare la degustazione dei vini della cantina ‘Le Madleine’ che conduce insieme alla moglie Linda tra Narni e Otricoli in provincia di Terni. I coniugi D’Alema hanno raccontato alla presenza di Davide Marotta Presidente di Fis Umbria alcuni segreti della loro azienda e dei loro vini.BANNER-DUE-MONDI Nel 2016, terzo anno di attività della cantina sono state messe in commercio 28000 bottiglie in Italia e all’estero, nello specifico, due land tedeschi, Olanda, in Svizzera, a Pechino, a New York, nel New Jersey e nel Connecticut e a breve verranno vendute a Londra e in Messico. Il loro mercato di riferimento sono i ristoranti italiani di qualità. Parlando dei loro vini hanno spiegato che la vigna del loro Pinot Nero è posta a 200 mt di altezza sul livello del mare. Il da meditazione è stato descritto come un vino morbido , elegante ed eclettico. e Il loro Cabernet Franc in purezza è un vino che si caratterizza per il bassissimo contenuto di Solfiti.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    giotarzan 2022-07-30 18:32:22
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    giotarzan 2022-07-30 18:29:42
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    Manuele Fiori 2022-07-07 18:07:34
    Finalmente un volto nuovo e persone serie al comando. Tanti auguri a tutti!
    Aurelio Fabiani 2022-07-07 10:27:07
    Sono d'accordo con Sergio Granelli. Se la Tesei e soci hanno dato il colpo più duro, quasi mortale, non si.....
    Sergio Granelli 2022-07-06 21:35:44
    Pero' dobbiamo essere onesti fino in fondo. Ricordiamoci anche della governatrice Lorenzetti e di tutti quelli che gli hanno consentito.....