Al Caio Melisso, successo per la prima di Drosilla e Nesso

  • Letto 696
  •  

     

    Applausi per il secondo evento della 73ma stagione del Teatro Lirico Sperimentale

    Ad accogliere il pubblico lo storico sipario – che esalta il poeta Caio Melisso – sembra preannunciare stucchi e fondali classicheggianti, ma in scena solo una rete, due panchine bianche e palline da tennis ovunque. «Il campo da tennis più pazzo del mondo», racconta il regista Davide Gasparro. Una Wimbledon rigorosamente su parterre d’erba è lo scenario in cui i due protagonisti si confrontano a colpi di racchette da tennis. Di grande effetto l’allestimento ultramoderno del regista Gasparro e della scenografa Elena Zamparutti, con le luci di Eva Bruno e i costumi di Clelia De Angelis. «Una ventata di aria fresca» – commenta il Maestro Pierfrancesco Borrelli, direttore dell’Ensemble strumentale del Teatro Lirico Sperimentale – «siamo riusciti a creare quei colpi di teatro estemporanei, che hanno fatto divertire il pubblico». Interpreti vocali Silvia Alice Gianolla (tra i vincitori della 73ma edizione del Concorso “Comunità Europea” per giovani cantanti lirici del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”), una Drosilla che si è distinta sul palcoscenico grazie anche alla vocalità cucita appositamente sul repertorio, e Paolo Ciavarelli (Vincitore della 71ma edizione del Concorso “Comunità Europea” per giovani cantanti lirici del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”) una vera e propria «star del teatro comico» – afferma il Maestro Borrelli – che ha regalato al pubblico un Nesso davvero divertente. «Al pari di una commedia di Goldoni – continua Borrelli – gli intermezzi napoletani sono teatro allo stato puro: un repertorio che non offre grandi possibilità per cantare, ma piuttosto un momento in cui l’interprete fa un grande esercizio di teatro. Sono necessarie qualità attoriali rilevanti per stare sul palcoscenico e questo repertorio è un’ottima scuola».

    Drosilla e Nesso, è stata dunque un’occasione per riscoprire ed esaltare i gioielli di scuola musicale napoletana di cui Leonardo Leo è sicuramente uno dei principali esponenti. Ma non solo, dalla Campania anche il Maestro Borrelli – nato a Portici (Napoli) e docente presso il Conservatorio di Avellino – e la cembalista Livia Guarino che si sono distinti per la grande professionalità e competenza nel repertorio.

    Grande successo dunque per la prima di Drosilla e Nesso, intermezzo napoletano del ‘700 musicato da Leonardo Leo su libretto di Carlo De Palma, andato in scena ieri sera al Teatro Caio Melisso. Repliche questa sera – sabato 14 settembre 2019, alle ore 21 – e domani – domenica 15 settembre, alle ore 17 – sempre al Teatro Caio Melisso. Lo spettacolo, che si inserisce in una collaborazione pluriennale con il Centro Studi Pergolesi dell’Università degli Studi di Milano, è reso possibile grazie al contributo della “Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini”, che sostiene da anni questo ambizioso progetto culturale. Presente allo spettacolo il Presidente del Centro Studi Claudio Toscani e il Presidente della Fondazione Antonini Camillo Corsetti Antonini che si sono dimostrati entrambi entusiasti per lo spettacolo andato in scena. Per informazioni segreteria@tls-belli.it.

    La 73ma Stagione Lirica Sperimentale continua con Operalieder Liebeslieder su musiche di Brahms, Schubert e Schumann (Villa Redenta | 18 settembre 2019, ore 21) e il Barbiere di Siviglia, con regia di Paolo Rossi (Teatro Nuovo | 17 settembre 2019, ore 18 (anche per le scuole) | 18 – 19 settembre 2019, ore 10.00 (anche per le scuole) | 20 – 21 settembre 2019, ore 20.30 e 22 settembre 2019, ore 17.00).

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2019-10-22 07:44:46
    Sì, ma non è Piazza del mercato, ma via Arco di Druso!
    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.