Accoglienza famiglie ucraine, Sergio Grifoni: “Mancanza di totale assistenza da parte del Comune”

  • Letto 672
  • La nota stampa del consigliere comunale: “Predicar bene e razzolar male”

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Erano state chiamate anche le telecamere della RAI per riprendere il momento in cui due mamme fuggite dall’Ucraina, con figli minori al seguito, entravano negli appartamenti messi loro a disposizione da generose famiglie spoletine.
    Il Sindaco in prima linea, con tanto di fascia tricolore, a farsi scattare foto a destra e sinistra, per manifestare, non soltanto la solidarietà della nostra città, ma anche la disponibilità del Comune a prendersi cura fattivamente di loro.
    “Non vi faremo mancare nulla” – la sua promessa ed il suo impegno.
    E poi ancora: “Abbiamo creato una rete di solidarietà”. E giù sorrisi, pacche di spalla, strette di mano.
    Un gesto partecipativo encomiabile e meritevole di plauso.
    Peccato che, da quel giorno, ed è ormai trascorso un mese, nessuno di loro ha più visto un rappresentante del Comune. Tutti spariti!!!
    E così le famiglie spoletine, oltre ad aver messo a disposizione gli appartamenti, si sono dovute occupare di ogni altra assistenza necessaria, compresa la gestione dei minori.
    Si sono dovute preoccupare del loro inserimento scolastico, del loro trasporto, del materiale didattico.

    Hanno dovuto provvedere alla loro vaccinazione e a tutte quelle necessità inevitabili in tali frangenti di assoluto bisogno.
    Tutto ciò potendo contare soltanto sull’aiuto della Caritas e di qualche privato.
    Una delle benefattrici, esasperata da simile situazione, ha deciso allora di prendere carta e penna e scrivere direttamente al primo cittadino, evidenziando proprio la mancanza di totale assistenza da parte del Comune, e facendo malinconicamente riferimento al comportamento di altri Comuni che, sin dalla prima settimana, senza clamori, fasce e telecamere, si sono invece fatti totalmente carico dei profughi arrivati.
    Quello di Spoleto è un caso isolato?
    E’ una involontaria dimenticanza?
    Non lo so. Sta di fatto che, denunciare il fatto con una lettera scritta, come ha fatto l’interessata, porta a pensare che la verità di quanto asserito sia più probabile che non plausibile.
    Mi auguro che adesso qualcosa si smuova nella direzione giusta.
    Perché, mai come in questi casi, il fare conta molto di più dell’apparire.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    One Comment For "Accoglienza famiglie ucraine, Sergio Grifoni: “Mancanza di totale assistenza da parte del Comune”"

    1. Aurelio Fabiani
      Aprile 2, 2022

      Bene, è importante solidarizzare con chi scappa dalla guerra, ma ci sarebbe piaciuto che i Grifoni di tutta la terra avessero avuto la stessa voglia di protestare per gli afghani, siriani, africani. Non vi abbiamo sentito ma solo porte sbattute in faccia e centri di reclusione.

      Rispondi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
    Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio
    fabien 2022-04-09 10:16:14
    Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....