A Simone Cristicchi la cittadinanza onoraria di Campello sul Clitunno

Giovedi il disco verde del Consiglio Comunale, il 17 febbraio la cerimonia di conferimento 

(DMN) Campello sul Clitunno – il cantautore, attore e scrittore romano Simone Cristicchi sarà cittadino onorario di Campello sul Clitunno. Il Consiglio comunale,  nella seduta di giovedì 30 gennaio, ha infatti dato parere favorevole (con qualche mugugno delle forze di minoranza) al conferimento della cittadinanza onoraria all’artista.

Il vincitore del Festival di Sanremo 2007 con il brano ‘Ti regalerò una rosa’ é intatti molto legato al territorio nonché un assiduo frequentatore dell’Eremo francescano di Campello sul Clitunno.

Proprio in quel luogo religioso é germogliato il seme di ‘Abbi cura di me’, brano presentato al 69º Festival di Sanremo, classificatosi al quinto posto ma vincitore del premio Sergio Endrigo per la miglior interpretazione e del premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale.

‘Abbi cura di me’ é anche il titolo dell’ultimo album dell’artista in cui é contenuto  il brano ‘Lo chiederemo agli alberi’ ispirato proprio all’amato eremo francescano di Campello. Cristicchi, nelle  interviste, parla spesso del suo rapporto spirituale con le religiose dell’eremo e con il territorio campellino. 

Come accaduto in passato agli altri cittadini onorari, la Contessa Maria Sole Agnelli ed il Generale Rolando Mosca Moschini, Simone Cristicchi riceverà la cittadinanza onoraria nel corso di una cerimonia che si terrà  in municipio il 17 febbraio  (la stessa sera reciterà  in teatro a Trevi) alle 17.

Lo chiederemo agli alberi – Simone Cristicchi

Lo chiederemo agli alberi
Come restare immobili
Fra temporali e fulmini
Invincibili
Risponderanno gli alberi
Che le radici sono qui
E i loro rami danzano
All’unisono verso un cielo blu
Se d’autunno le foglie cadono
E d’inverno i germogli gelano
Come sempre, la primavera arriverà
Se un dolore ti sembra inutile
E non riesci a fermar le lacrime
Già domani un bacio di sole le asciugherà
Lo chiederò alle allodole
Come restare umile
Se la ricchezza è vivere
Con due briciole
Forse poco più
Rispondono le allodole
“Noi siamo nate libere”
Cantando in pace ed armonia
Questa melodia
Per gioire di questo incanto
Senza desiderare tanto
Solo quello, quello che abbiamo
Ci basterà
Ed accorgersi in un momento
Di essere parte dell’immenso
Di un disegno molto più grande
Della realtà
Lo chiederemo agli alberi
Lo chiederemo agli alberi
 
Foto www.simonecristicchi.it

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

cesare 2023-02-03 18:39:20
Buonasera, scusate ma avete qualche notizia sul perchè dal 6 Marzo 2023, il freccia bianca N.8252 da Roma a Ravenna.....
Aurelio Fabiani 2023-02-02 12:17:26
COMMENTO ALL' ULTIMO COMUNICATO PD Vuoto pneumatico. È l' unico titolo possibile a commento di questo secondo intervento del PD......
Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....