《Sindaco e Festival, una “prima” col flop》

  • Letto 628
  • Il comunicato stampa del Gruppo Consiliare Insieme per Spoleto 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Inaugurazione del Festival nella magica cornice di piazza Duomo. Quest’anno forse per la prima volta senza che il sindaco, che è anche presidente della Fondazione Festival, abbia fatto sentire la propria voce, che in questo come in molti altri casi sarebbe stata la voce della città.
    Non è sfuggita a molti dei presenti , ieri sera, la mancanza di un saluto del primo cittadino prima dell’inizio della manifestazione artistica. “ E non si tratta di un problema di forma –afferma il consigliere di Insieme per Spoleto Giancarlo Cintioli, che boccia senza appello la “prima” del sindaco Sisti- ma di sostanza, nel momento in cui sono sempre più evidenti i segnali di isolamento di Spoleto nel contesto umbro e nazionale”.

    Il saluto del sindaco avrebbe potuto –e dovuto- insomma ribadire lo stretto rapporto fra il Festival e la città, che non solo lo ospita ma che lo organizza attraverso la sua Fondazione. “Non intervenire – aggiunge Cintioli – equivale a trasformare Spoleto solo nel palcoscenico del Festival, ponendo la manifestazione alla pari di qualsiasi evento ospitato nella città.”
    “Un segnale estremamente grave –commenta Paolo Piccioni, capogruppo di Insieme per Spoleto- che si aggiunge alla stessa collocazione dei posti, con il sindaco Sisti lontano da altri esponenti istituzionali , come la presidente regionale Tesei o il ministro Brunetta, quasi a testimoniare ulteriormente l’isolamento della città in tutti i contesti”. Sanità, trasporti, opere pubbliche: tanti gli argomenti da affrontare. Certo: dover confidare negli spettacoli del Festival per poter accennare con i rappresentanti delle istituzioni i problemi cittadini non è il massimo, ma è comunque un “metodo” che in passato ha dimostrato di funzionare, davanti alle ripetute mancanze di contatti. Adesso, però, la distanza fra Spoleto e il resto dell’Umbria viene ribadita anche dalla collocazione in platea alla prima del Festival , ed è legittimo chiedersi di chi sia stata la scelta di non mettere vicini Sindaco e Presidente della Giunta regionale, separando di fatto vertici istituzionali e lanciando un messaggio certo non tranquillizzante. Tanta sostanza, in un abisso di errori di forma.

    Immagine di archivio 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Michele Zicavo 2022-11-30 10:07:50
    Ringrazio tutta la Redazione per l'attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti di questi meravigliosi ragazzi e del progetto "Calcio.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-28 21:38:55
    Ben arrivati. Il treno della protesta è partito 55 giorni fa. Comunque vediamo che volete fare.
    Aurelio Fabiani 2022-11-23 10:23:54
    INTITOLARE UNA STRADA A GINO STRADA. OTTIMA PROPOSTA. MA SE POI FAI LA STRADA OPPOSTA, QUESTA PROPOSTA NON E' UNA.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-16 20:52:40
    Vigilare sul previsto? Hanno già fatto. Chiuso il punto nascite. A chi tiene in mano le chiavi del city forum.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-08 06:56:41
    Hanno anche il coraggio di parlare!