Vertenza Maran e R&S, primi segnali di apertura

  • Letto 316
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO

    Sospeso lo sciopero, ma non lo stato di agitazione

     
    Segnali di apertura da parte della società svedese Hoist e sciopero sospeso per continuare la trattativa: è questo, in estrema sintesi, l’esito del tavolo ministeriale sulla vertenza Maran e R&S che si è svolto ieri, 20 settembre, presso il Ministero del Lavoro a Roma. All’incontro hanno partecipato i dirigenti ministeriali Sapio, Arnesi e il vicepresidente di Gabinetto, Giorgio Sorial, il dottor Marzapane per la società Maran Spa e R&S Srl, Angelo Beretta e Federica Ceccarelli per Hoist Finance, le segreterie nazionali di Filcams Cgil e Fisascat Cisl con i segretari Danilo Lelli e Dario Campeotto, le segreterie regionali con i rappresentanti Cristina Taborro, Simona Gola e Paolo Pierantoni (Uilcom), insieme alle Rsa e alle confederazioni regionali e territoriali di Cgil e Cisl nelle persone di Mario Bravi e Riccardo Marcelli. Era infine presente anche la Regione Umbria nella persona del dottor Mauro Andrielli.
    Dopo l’illustrazione della vertenza da parte delle società e delle organizzazioni sindacali, si è aperta una discussione con al centro il problema occupazionale, visto il numero ingente di esuberi dichiarati attraverso l’avvio nel mese di luglio 2018 delle procedure ex legge 223/1991.

    Durante il confronto è emersa una disponibilità di Hoist Finance a ridurre il numero degli esuberi e costituire da subito una commissione paritetica di monitoraggio, con l’obiettivo nel medio-lungo periodo, di riassumere tutta la forza lavoro ad oggi presente e ridiscutere le condizioni economiche dell’eventuale riassunzione del personale in elenco nella procedura.
    Le organizzazioni sindacali, così come annunciato a seguito dei segnali di apertura, hanno quindi sospeso lo sciopero indetto fino al 22 settembre (pur mantenendo lo stato di agitazione), al fine di sedersi al tavolo di trattativa in sede territoriale e continuare il confronto, prima della nuova convocazione del Ministero del Lavoro per il giorno giovedì 27 settembre 2018.
    “Auspichiamo che i primi segnali positivi di Hoist Finance abbiamo una continuità nei prossimi incontri – commentano Simona Gola, Cristina Taborro, Paolo Pierantoni, di Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uilcom Uil dell’Umbria e di Perugia – per trovare un accordo che raccolga le istanze dei lavoratori e tenga presenti le richieste fatte dal governo, per bocca del vicepresidente di Gabinetto Giorgio Sorial, sull’importanza della tutela dello stato occupazionale. Non si può inoltre non considerare – continuano i rappresentanti sindacali – il contributo della Regione Umbria con la messa a disposizione di due progetti sulle politiche attive del lavoro. Il tutto – concludono Gola, Taborro e Pierantoni – al fine di evitare quella che possiamo definire senza dubbio una tragedia sociale per la città di Spoleto e per tutta l’Umbria”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Roberta Privitera 2018-12-07 21:25:18
    In un pianeta al collasso a causa delle politiche energetiche sbagliate, se non folli, bisogna far sentire forte la voce.....
    Giuliano 2018-12-06 20:05:03
    Comune sindaco.. Consiglieri... Amministratori.. Dovete solo dire grazie a chi mette soldi. Tempo. Passione. Energia per lo spoleto calcio.. Venite.....
    Antonio Sbicca 2018-12-06 19:41:40
    Io mi domando con che criterio parlate voi del Comune i diretti interessati non vi vedete mai allo Stadio nessuno.....
    Fabrizio Cassoni 2018-11-17 06:43:23
    Ancora una volta la nostra SPOLETO è rimasta esclusa e snobbata dalla provincia e dalla regione. A mio avviso occorre.....
    Simo 2018-09-13 13:58:27
    Ma PRENDEREMO il 35% dello stipendio