Un grande successo a Spoleto per il Campionato Italiano di Biliardo

  • Letto 608
  • Testata_Due_Mondi_newsCon entusiasmo il Polo Museale dell’Umbria, Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto, ha accolto le fasi finali della tappa del Campionato Italiano di Boccette e Stecca. Le semifinali e la finale della gara di stecca si sono svolte, con diretta televisiva di RAI SPORT 1, presso il Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto, in una delle sale più significative del complesso museale di S. Agata.

    Un binomio particolare, intrapreso grazie alla volontà e disponibilità di tutti gli attori che hanno contribuito alla nascita e alla riuscita dell’iniziativa, tra antico e moderno, tra arte e cultura, nella consapevolezza che il passato e le radici storiche di un territorio rappresentano anche il suo presente e il suo futuro.

    Obis_obiettivo_Sicurezza_Spoleto

    La scelta  di svolgere una tappa del campionato nel museo ha significato far avvicinare un pubblico di sportivi e qualificati professionisti, insieme alle loro famiglie, alla storia di Spoleto, affiancando ai giocatori e a chi fosse interessato uno degli aspetti più affascinanti e importanti del passato locale, quello della necropoli di Piazza d’ Armi.

    Re Principi e Sacerdotesse, nella ricostruzione di recente riproposta, come veri campioni della Spoleto di 2.700 anni fa, hanno assistito alla gara insieme al pubblico contemporaneo. Idealmente passato e presente si sono fusi e facendo degli scettri regali, per l’occasione esposti a corredo del ring di gioco, un simbolo potente e un volano di sviluppo culturale, sociale ed economico.

    A fronte del successo ottenuto, non possiamo che augurarci che iniziative come queste leghino e indirizzino sempre più con convinzione, le istituzioni di varia natura  e competenza, verso l’obiettivo di tutelare e valorizzare sotto ogni aspetto un territorio.

    La Regione Umbria, il Comune di Spoleto, la Camera di Commercio di Perugia hanno tutte voluto fortemente che il progetto si realizzasse e ne hanno determinato il successo contribuendo in maniera decisiva all’organizzazione. Un ricordo particolare e un sincero ringraziamento va rivolto al compianto sindaco Cardarelli, non esitò neanche un attimo ad accogliere l’iniziativa e a fornire il più pieno sostegno; come un grande grazie va rivolto a tutto il personale del museo che ha collaborato con disponibilità massima ed entusiasmo, intuendo che un altro importante traguardo per il Polo museale dell’Umbria andava raggiunto.

    A breve la F.I.Bi.S., federazione italiana biliardo sportivo, comunicherà i dati ufficiali riguardo alle presenze dei giocatori, ai pernottamenti registrati nella città, ai dati di visione delle riprese di Rai Sport e alle visualizzazioni delle dirette streaming sul canale del quotidiano La Repubblica e sul canale della Federazione. Il comitato organizzatore ufficiosamente parla di circa 1.100 giocatori che hanno preso parte alla competizione e di centinaia di pernottamenti che hanno riguardato anche le città di Terni e Foligno; da una prima stima si registra che per ogni euro investito si è verificata una ricaduta economica sul territorio di circa € 3,00. WhatsApp Image 2018-02-01 at 11.28.36 (1)

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    operaia 2019-03-13 14:41:19
    senza dubbio va alzato il livello della mobilitazione!
    Carlo Alberto Bussoni 2019-03-10 08:46:39
    Sanzionati "de che"'. C'è qualche possibilità che paghino anche un solo centesimo? Ed ancora..."è stato adottato il provvedimento del foglio.....
    Graziano evangelisti 2019-02-27 00:24:18
    prendo
    Moreno Angeli 2019-02-25 17:24:17
    Rip uomo buono e onesto .A Daniela e figli le mie più sentite condoglianze
    Carlo Alberto Bussoni 2019-02-25 09:34:40
    Nooo! Sentite condoglianze alla famiglia (per quello che possono servire). Comunque era originario della parrocchia di san Filippo.