Degrado al tiro a volo di Monteluco, le precisazioni dell’Associazione “Le Aquile”

  • Letto 410
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETORiceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa dell’Associazione “Le Aquile” in risposta ad un’altra nota stampa dell’Associazione “La Foresta che avanza” in merito lo stato di degrado dell’area dell’ex tiro a volo di Monteluco. Precisiamo che il primo comunicato non è stato ricevuto dalla nostra testata e di conseguenza non possiamo proporlo ai lettori.

    Caro Direttore,
    avendo letto il comunicato scritto dall’associazione La foresta che avanza in merito allo stato di abbandono dell’ex area di tiro a volo di Monteluco ed essendo stati tirati in causa, cogliamo volentieri l’occasione per alcune precisazioni.
    Come riportato nel comunicato, nel 2011 dopo una serie di proficui contatti con l’allora sindaco Daniele Benedetti, l’ex tiro a volo era stato dato in affitto a titolo oneroso all’associazione Le Aquile affinché quel luogo, inserito in un contesto naturalistico unico e caro a tutti gli spoletini, venisse recuperato dallo stato di totale degrado in cui versava e destinato a Centro di addestramento cinofilo per cani da ricerca; l’ambizione era che potesse diventare un punto di riferimento per i gruppi cinofili di tutta la regione, e non solo, per le loro attività di addestramento.
    Con questi presupposti, nell’area furono esposti anche i simboli del Cisom, in quanto alcuni volontari delle Aquile erano iscritti anche a questa seconda organizzazione di volontariato, che a Spoleto ha potuto usufruire per alcuni anni dei mezzi e delle attrezzature delle Aquile.

    Con tanta fatica ed impegno, nel 2012 inaugurammo il Centro, alla presenza delle autorità e di tantissimi cittadini, che iniziarono spontaneamente a frequentare di nuovo l’ex tiro a volo, sia per assistere alle attività cinofile che, talvolta, per far correre i loro cani in un ambiente sicuro, sopperendo così alla mancanza di luoghi specifici nella nostra Città.
    Nel 2015, ad attività del Centro oramai ben avviata, il contratto di affitto venne a scadere e l’Associazione restò in attesa di comunicazioni da parte della nuova Amministrazione su quali fossero le intenzioni al riguardo. Dopo alcuni mesi di silenzio ufficiale, nel mese di aprile del 2016 scrivemmo una pec, con la quale esprimevamo ufficialmente la volontà di proseguire l’attività di “Addestramento cinofilo” e di valorizzazione dell’area e, quindi, chiedevamo di stipulare un nuovo atto.
    A questa richiesta seguì solo silenzio.
    Le ragioni di tale silenzio possiamo al limite immaginarle, visto che senza ragioni plausibili nello stesso periodo è venuta a cessare la stretta e proficua collaborazione che esisteva da anni tra Comune di Spoleto e Aquile in materia di protezione civile.
    E’ invece certo che un luogo che era stato recuperato dall’abbandono è ora di nuovo preda del degrado.
    Il nostro auspicio è che le motivazioni che hanno portato ad una situazione deprecabile siano definitivamente superate e che si possa rapidamente avviare un percorso di bonifica e recupero del luogo, a beneficio di tutta la comunità.

    Il Presidente

    Antonella Fedeli

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Roberta Privitera 2018-12-07 21:25:18
    In un pianeta al collasso a causa delle politiche energetiche sbagliate, se non folli, bisogna far sentire forte la voce.....
    Giuliano 2018-12-06 20:05:03
    Comune sindaco.. Consiglieri... Amministratori.. Dovete solo dire grazie a chi mette soldi. Tempo. Passione. Energia per lo spoleto calcio.. Venite.....
    Antonio Sbicca 2018-12-06 19:41:40
    Io mi domando con che criterio parlate voi del Comune i diretti interessati non vi vedete mai allo Stadio nessuno.....
    Fabrizio Cassoni 2018-11-17 06:43:23
    Ancora una volta la nostra SPOLETO è rimasta esclusa e snobbata dalla provincia e dalla regione. A mio avviso occorre.....
    Simo 2018-09-13 13:58:27
    Ma PRENDEREMO il 35% dello stipendio