Capolavori del Trecento: il Maestro di Sant’Alò

  • Letto 239
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO“Mezz’ora dopo la chiusura”,l’evento a cura di Sistema Museo, dedica una serie di appuntamenti a Capolavori del Trecento – Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino, la grande mostra articolata in 4 comuni dell’Umbria che prevede l’esposizione di oltre 70 opere provenienti da prestigiose raccolte nazionali ed internazionali.

    Il secondo incontro in collaborazione con il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto, che si svolgerà alla Rocca Albornoz venerdì 17 agosto 2018 alle ore 21.00, è incentrato sul Maestro di Sant’Alò, un altro dei numerosi artisti, spesso anonimi, che si fecero interpreti dell’anima più profonda e vera dell’Appennino.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    L’appuntamento è alle 21.00 presso la biglietteria della Rocca Albornoz.

    Quota di partecipazione
    Visita guidata – € 5,00

    INFO
    Ai fini organizzativi è OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE entro le ore 19.00 di venerdì 17 agosto 2018.
    news.spoletomusei@sistemamuseo.it

    0743 224952

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Giulia Beddini 2019-01-20 19:56:59
    Grazie di cuore .... sono molto orgogliosa di rappresentare l’Umbria e di essere spoletina, non so cosa dire grazie mille
    Francesca Casagrande 2019-01-13 12:50:28
    Sono davvero contenta di sapere che Roberto Pibiri sta vivendo questo successo tutto meritato. La sua volonta' e la sua.....
    Tommaso 2019-01-05 21:47:54
    Una cosa è certa: se fino ad oggi tutta Spoleto ammirava gli organizzatori della manifestazione ora una buona parte sarà.....
    Lidia spitela 2019-01-01 03:24:36
    Sono felicissimada ricebere questo filmino sono lontana da spoleto pero il mio cuoree sempre a spoleto buon anno per tutti.....
    Stefano Chiampo 2018-12-29 19:18:09
    Che grande, grandissima rottura di scatole. I botti non mi piacciono, e vabbè (è questione di gusti), ma perché proprio.....